La Cina spinge aziende statali a investire ad Hong Kong per fermare la crisi

In una riunione di questa settimana a Shenzhen, la città al confine con Hong Kong, rappresentanti senior di quasi 100 tra le più grandi compagnie statali cinesi sono stati invitati a fare la propria parte per aiutare a raffreddare la più grande crisi politica della Cina negli ultimi anni

Durante l’incontro, le SOE si sono impegnate a investire di più nelle industrie chiave di Hong Kong, compresi gli immobili e il turismo, nel tentativo di creare posti di lavoro per i cittadini locali e stabilizzare i mercati finanziari, hanno detto due dirigenti, parlando a condizione di anonimato per discutere delle deliberazioni interne. Non sono stati discussi o concordati investimenti specifici, hanno affermato.

Le imprese statali (SOE) presenti includevano il colosso petrolifero Sinopec e il conglomerato China Merchants Group, ha affermato una delle fonti.

L’incontro è stato organizzato dalla Asset Supervision and Administration Commission (SASAC) di proprietà statale, il potente organo centrale che sovrintende al vasto settore statale cinese, che comprende alcune delle più grandi aziende del mondo in settori quali acciaio, energia, spedizioni e telecomunicazioni.

SASAC non ha risposto a una richiesta via fax di commenti da Reuters. I funzionari di Sinopec e China Merchants Group non hanno risposto alle richieste di commenti via e-mail e le chiamate alle due società sono rimaste senza risposta.

Invece di limitarsi a detenere quote in società di Hong Kong, le SOE cinesi sono state anche invitate a cercare di controllare le società e avere potere decisionale in esse, ha detto una delle persone che hanno familiarità con la riunione.

“Le élite imprenditoriali di Hong Kong non stanno certamente facendo abbastanza. Molti di loro non sono solo uno di noi ”, ha detto a Reuters il dirigente della SOE presente alla riunione.

La Cina spinge aziende statali a investire ad Hong Kong per fermare la crisi
Manifestazioni di protesta ad Hong Kong – Cina

La Cina spinge aziende statali a investire ad Hong Kong per fermare la crisi

 

Il capo del Partito Comunista del SASAC, Hao Peng, è apparso a Hong Kong mercoledì in un forum per l’iniziativa Belt and Road e ha dichiarato che le SOE stavano cercando modi per cooperare a grandi progetti in città, secondo un comunicato stampa SASAC.

Hao, che era accompagnato da un gruppo di dirigenti della SOE, incontrò anche Carrie Lam, amministratore delegato della città.

Mentre le grandi aziende statali cinesi sono imprese a scopo di lucro e molte sono quotate in borsa, ci si aspetta da tempo che prestino servizio nazionale, incluso il mantenimento di alti livelli di occupazione e l’aiuto a Pechino nell’esecuzione di iniziative come il suo grande piano infrastrutturale Belt & Road.

Mesi di enormi e spesso violente proteste a Hong Kong sono state innescate da una legislazione pianificata che avrebbe consentito l’estradizione dei sospetti alle corti continentali. Le proteste sono state alimentate da quella che molti vedono ad Hong Kong come un’influenza cinese strisciante che sta erodendo il modello “un paese, due sistemi” in base al quale la Cina ha governato Hong Kong dalla sua consegna dal Regno Unito nel 1997.

L’ampliamento dell’influenza continentale a Hong Kong ha incluso l’acquisto di beni aziendali e immobiliari.

L’economia di Hong Kong era un tempo dominata dalle case commerciali britanniche con radici nel 19 ° secolo. I magnati locali hanno iniziato a rilevare molte delle aziende nell’ultima parte del 20 ° secolo, creando enormi conglomerati come il CK Hutchison Holdings di Li Ka-shing ( 0001.HK )

Pechino è stata disposta a esercitare pressioni sulle imprese di Hong Kong affinché siano più patriottiche, esprimendo infelicità durante un incontro di agosto con le élite imprenditoriali della città che non stavano facendo abbastanza per placare le proteste, secondo un rapporto dell’epoca- gestire l’agenzia di stampa Xinhua.

 

Nell’incontro del mese scorso con circa 500 dirigenti d’azienda e politici pro-Pechino di Hong Kong, le autorità cinesi hanno esortato a “non avere paura e alzarsi” per fermare la violenza in città, ha riferito Xinhua.

Cathay Pacific Airways Ltd ( 0293.HK ), un’eredità dell’era coloniale di Hong Kong, è diventata la più grande vittima corporativa delle proteste dopo che Pechino ha richiesto la sospensione del personale che sostiene le manifestazioni. Il suo presidente ha annunciato l’intenzione di dimettersi a novembre, meno di tre settimane dopo che il CEO Rupert Hogg è uscito nel bel mezzo di un attento controllo normativo.

Anche l’operatore della metropolitana di Hong Kong MTR Corp ( 0066.HK ) ha fatto pressioni ad agosto per diventare duro con i manifestanti antigovernativi dopo che i media statali cinesi hanno espresso sgomento presso l’azienda per la sua presunta facilitazione della diffusione della violenza da parte dei manifestanti.

 

PayPal investe in Uber

ETF 5G 

Azioni Qualcomm 

Migliori azioni secondo gli Hedge Fund 

Cannabis legale 

Azioni Uber 

Portafoglio titoli in ETF 

IPO Pinterest 

Ipo Pintereste 2019  

ETF Consigliati 

Investire in ETF 

Il Governo italiano prevede la stagnazione economica nel 2019

Investire nella Canapa Legale 

Come Comprare Azioni Amazon 

Mercati azionari oggi  

Fusione DB e Commercialbank 

Ocasio Cortez contro Trump 

Azioni Facebook, Tesla 

Via della Seta  

Warren Buffet strategie e consigli 

Assicurazione vita migliore

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *