Influenza della Guerra Commerciale sul Prezzo delle Azioni Amazon

Come la guerra commerciale sta influenzando Amazon (AMZN quotazione) ed il valore delle sue azioni

Lungo la strada per diventare la società di e-commerce dominante nel mondo , Amazon.com Inc. ( AMZN ) ha distrutto la concorrenza in un settore dopo l’altro, costruendo una capitalizzazione di mercato che ora supera $ 900 miliardi nel processo. Tuttavia, l’escalation della guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina minaccia di mettere un freno al suo rapido tasso di crescita.

 

Gli Stati Uniti hanno imposto tariffe del 15% su $ 112 miliardi di merci importate dalla Cina il 1 ° settembre 2019, con tariffe aggiuntive previste per entrare in vigore a dicembre. Secondo un recente rapporto di Bank of America, “l’e-commerce presenta il maggior rischio tariffario a causa dell’impatto sui prezzi dei prodotti”. Il rapporto stima che i prezzi dei beni venduti negli Stati Uniti attraverso Amazon debbano aumentare in media dal 2,1% al 2,6% per compensare il costo delle nuove tariffe.

Cosa significa per gli investitori

Sulla base dell’analisi del costo dei beni venduti (COGS) , BofA stima che il 20% delle vendite di Amazon di prima parte e il 25% delle vendite di terzi rappresentino merci importate dalla Cina. I primi sono vendite effettuate direttamente da Amazon. Questi ultimi sono vendite effettuate da commercianti indipendenti che vendono attraverso il sito Web di Amazon, generando così commissioni per Amazon.

Per neutralizzare l’effetto delle nuove tariffe del 15% sui margini di profitto , BofA calcola che i prezzi di Amazon di prima parte devono aumentare in media del 2,1%, mentre i prezzi nel suo mercato di terzi devono aumentare in media del 2,6%. I prezzi più alti inevitabilmente ridurranno la domanda, ma due fattori potrebbero smorzare l’impatto negativo su Amazon, aggiunge BofA.

Innanzitutto, altri rivenditori potrebbero imporre aumenti di prezzo simili. In questo caso, Amazon dovrebbe mantenere la sua posizione competitiva.

In secondo luogo, i consumatori possono passare a prodotti alternativi venduti tramite Amazon i cui prezzi non sono aumentati a causa delle tariffe. “Prevediamo che la sostituzione sul mercato ridurrà l’impatto, sia dai consumatori che acquistano da venditori di provenienza non cinese, sia dai venditori provenienti da altri mercati”, osserva BofA. “Con il passare del tempo, prevediamo … guadagni in quote per i beni acquistati al di fuori della Cina”, osserva il rapporto.

D’altra parte, i rivenditori al dettaglio, che stanno già perdendo affari con i commercianti online, possono essere riluttanti a trasferire il costo delle tariffe ai consumatori a prezzi più alti. Il CEO della catena di grandi magazzini merlata Macy’s Inc. ( M ) ha dichiarato il mese scorso che gli acquirenti resistono agli aumenti dei prezzi, riferisce il Wall Street Journal . Nel frattempo, ad agosto il Michigan Consumer Sentiment Index (MCSI) ha registrato il suo più grande declino mensile dal dicembre 2012, con circa un terzo degli intervistati che citano le tariffe come motivo del loro crescente pessimismo, secondo il Journal.

CORRELATE >>> Le strategie di investimento di BuffetFusione Unicredit e Commerzial Bank

Influenza della Guerra Commerciale sul Prezzo delle Azioni Amazon

Previsioni per il futuro

“Data la potenziale sostituzione sul mercato di AMZN tra beni e aumenti di prezzo simili previsti per altri rivenditori, ci aspettiamo che Amazon mantenga (o aumenti) la sua quota di [mercato] “, conclude BofA. Se viene firmato un accordo commerciale, il rapporto prevede che le azioni di Amazon si rialzeranno.

Tuttavia, avverte BofA, “gli analisti sembrano meno ottimisti su un accordo commerciale quest’anno”. In effetti, se la guerra tariffaria aumentasse ancora di più e quel tasso del 15% fosse aumentato al 25%, stimano che la compensazione comporterebbe un aumento dei prezzi di prima parte di Amazon del 3,5% in media e un aumento dei suoi prezzi di terze parti una media del 4,4%. Resta da vedere se gli acquirenti accetterebbero aumenti di prezzo di questa portata.

Ragioniere, pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *