Fusione Unicredit Commerzbank e il Nazionalismo Finanziario Tedesco

La fusione abbandonata tra Deutsche Bank AG e Commerzbank AG sta costringendo i due istituti di credito a riconsiderare le loro strategie future. Commerzbank, in particolare, potrebbe essere un obiettivo allettante per i rivali di tutto il continente che vogliono costruire la loro presenza in Germania come la più grande banca italiana, Unicredit.

Se ci fosse un’offerta adeguata, il governo tedesco – che detiene il 15,5% di Commerzbank – dovrebbe essere pronto a lasciare andare il creditore. Berlino è stata un forte sostenitore del “sindacato bancario”, che mira a creare un mercato del credito unificato in tutta l’area dell’euro. Alzare barriere contro un’acquisizione straniera per ragioni di parte sarebbe un voltafaccia ipocrita.

La ricerca di Commerzbank è per ora pura speculazione. L’Italia UniCredit SpA e ING Groep NV dei Paesi Bassi stanno schierando consulenti per esplorare una potenziale acquisizione del creditore tedesco, secondo Bloomberg News. Rimangono tuttavia ostacoli formidabili.

Jean Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, afferma che ci sono ancora troppi ostacoli al consolidamento bancario europeo. Ha un punto. La zona euro ha un unico sistema di vigilanza bancaria gestito dalla Banca centrale europea e un unico regolamento per affrontare le crisi finanziarie. Ma manca un sistema di assicurazione dei depositi comune per proteggere i clienti bancari attraverso il blocco, un’omissione piuttosto evidente per un’unione bancaria dichiarata. Inoltre, i regolatori e le autorità di vigilanza nazionali esercitano ancora molto potere quando si tratta di difendere i sistemi finanziari dei loro paesi.

Per questi motivi, l’area dell’euro non ha ancora visto la prima significativa fusione transfrontaliera da quando è stata istituita l’unione bancaria alla fine del 2014. Ovviamente, tali combinazioni dovrebbero avvenire solo se hanno senso – soprattutto per i creditori stessi e quindi ai loro cani da guardia. Tuttavia, un numero maggiore di imprese transnazionali contribuirebbe a diffondere il rischio finanziario in tutta la zona euro e contribuirebbe a ridurre i legami incestuosi tra i governi nazionali, i supervisori e i prestatori nazionali.

Fusione Unicredit Commerzbank e il Nazionalismo Finanziario TedescoFusione Unicredit Commerzbank e il Nazionalismo Finanziario Tedesco

 

Sfortunatamente, qualsiasi creditore straniero interessato a Commerzbank potrebbe trovarsi di fronte a un ostacolo maggiore rispetto all’economia di un accordo. Berlino ha flirtato con il nazionalismo delle multinazionali e c’è il rischio reale che questa nuova dottrina si diffonda nel Paese.

Olaf Scholz, ministro delle finanze tedesco, è stato uno degli sponsor principali della fallita fusione Commerzbank-Deutsche perché sperava che avrebbe creato un “campione nazionale” nel settore bancario. Dopo il crollo dell’affare, potrebbe esserci una preferenza per mantenere Commerzbank in mani domestiche. Scholz sta ora dicendo che la Germania ha bisogno di istituti di credito “localmente”.

I sindacati sarebbero una forza potente anche contro un accordo transfrontaliero. Il legame della Deutsche-Commerzbank ha incontrato una forte resistenza da parte dei gruppi di lavoratori dopo che è diventato chiaro che le due banche avrebbero ridotto decine di migliaia di posti di lavoro. Anche i sindacalisti sono stati apertamente ostili su UniCredit. “Un sacco di sangue si riverserà prima che ci uniamo agli italiani”, ha detto Stefan Wittmann, un rappresentante del lavoro nel consiglio di amministrazione della Commerzbank. Dice che sosterrebbe un acquirente straniero, purché trasferisse la sua sede centrale in Germania. Questo non sta esattamente mettendo il tappeto di benvenuto.

È sbagliato giudicare una potenziale fusione semplicemente sulla nazionalità dell’offerente. Mentre i governanti populisti italiani hanno spaventato i mercati finanziari, Mustier si è dimostrato un efficace amministratore per UniCredit da quando ha assunto il timone nel 2016. Forse c’è un argomento commerciale contro un accordo: UniCredit sta lottando per generare profitti, come molti dei suoi pari europei, in un’epoca di bassi tassi di interesse e crescita lenta. Ma Mustier è riuscito a raccogliere miliardi di nuove azioni per sostenere il suo piano di turnaround e ha proceduto a ridurre i costi della banca e la montagna di crediti inesigibili. Lo sciovinismo semplice non dovrebbe guidare nessuna decisione di fusione.

Un’acquisizione straniera di Commerzbank può o non può accadere, ma ciò dovrebbe essere deciso dai suoi dirigenti e supervisori. Come il maggiore azionista dell’azienda, Berlino avrà la sua opinione. Se la Germania crede ancora nel progetto dell’unione bancaria, non può opporsi al veto solo perché non gli piacciono i colori della bandiera di un corteggiatore.

 

 

fonte: Bloomberg

LEGGI ANCHE :

Trading Online

PayPal investe nella IPO dei taxi in affitto

ETF 5G 

Azioni Qualcomm 

Migliori azioni secondo gli Hedge Fund 

Cannabis legale 

Azioni Uber 

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *