La BCE esorta la Germania e Olanda a toccare “margine di manovra fiscale”

I paesi della zona euro dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di allentare le tasse o incentivare gli investimenti per sostenere la crescita se le loro finanze lo consentono, ha detto martedì il policymaker della BCE Francois Villeroy de Galhau, individuando Germania e Paesi Bassi.

Le banche centrali non possono fare miracoli, i governi devono intensificare: il Villeroy della BCE
Villeroy della BCE sollecita un ruolo più internazionale per l’euro
Di fronte al rallentamento della crescita della zona euro, giovedì la Banca centrale europea ha ridotto i tassi di interesse in un territorio negativo e ha promesso acquisti di obbligazioni senza scadenza

In un discorso a Londra, Villeroy ha affermato che anche i governi hanno avuto un ruolo nel dare il via a una ripresa, facendo eco alla settimana scorsa il capo della BCE Mario Draghi.

Sebbene esistesse ancora la necessità di programmi di riforma nazionali che stimolassero la crescita, ha affermato: “l’area dell’euro dovrebbe ora sfruttare il suo margine di manovra fiscale – ad esempio in Germania e nei Paesi Bassi – per sostenere la crescita”.

“È essenziale scegliere spese qualitative (a partire dagli investimenti) o riduzioni fiscali che abbiano un forte impatto sulla crescita a lungo termine”, ha detto Villeroy in un discorso alla London School of Economics.

Nonostante l’urgenza di rilanciare la crescita della zona euro, Villeroy ha affermato che il blocco non dovrebbe perdere la concentrazione su altre priorità come migliorare l’accesso ai finanziamenti per le piccole e medie imprese e il capitale di rischio o aumentare il ruolo internazionale dell’euro.

La BCE esorta la Germania e Olanda a toccare "margine di manovra fiscale"

Brexit: la situazione

L’Irlanda vuole un accordo su un’ordinata uscita britannica dall’Unione europea, ma finora la Gran Bretagna non è riuscita a elaborare un piano scritto, ha detto il ministro degli esteri irlandese Simon Coveney martedì.

“Noi nell’UE … siamo aperti a un accordo, ma deve raggiungere gli obiettivi del backstop attraverso una soluzione legalmente attuabile”, ha detto Coveney ai giornalisti.

“Attendiamo proposte scritte dalla parte del Regno Unito. Finora non abbiamo visto alcuna proposta scritta. ”

Alla domanda sui piani per gestire il confine terrestre tra Irlanda e Irlanda del Nord – e in particolare l’ubicazione dei controlli di emergenza in caso di mancato accordo – Coveney ha detto che sperava di avere chiarezza sulla questione controversa settimane prima che la Gran Bretagna dovesse lasciare il blocco il 31 ottobre.

“Non sottoscriveremo alcun accordo (commerciale) che richieda controlli con il Regno Unito”, ha affermato

“La risposta comporterà controlli da qualche parte. Non penso che saranno vicino al confine. ”

Qui altre notizie di economia

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *