Renzi e Italia Viva: la Vera Strategia Politica di Matteo Renzi

Perchè Matteo Renzi è uscito dal PD? Cosa vuole fare esattamente con Italia Viva, il nuovo soggetto politico con soli 20 parlamentari e 10 senatori. Ecco la sua semplice strategia politica? Ce lo spiega El Pais, con un articolo condiviso dello stesso Renzi sui suoi social.

Politici come Matteo Renzi non accettano ordini. O invia o rompi con tutto. Dopo mesi di minacce e manovre in background, l’ex primo ministro italiano lascia il PD e creerà una festa per conquistare un po ‘di spazio al centro occupato. Renzi ha promosso l’alleanza con il movimento a 5 stelle quest’estate per sfrattare Matteo Salvini dal potere. Una strategia, vista con una certa prospettiva, progettata anche per mantenere i suoi uomini affini in Parlamento e portarli ora al nuovo progetto (circa 20 deputati e 10 senatori). Lo specchio è il formato del presidente francese, Emmanuel Macron. Ma i numeri non danno quella presenza.

Matteo Renzi, 44 anni, è stato il leader con il maggior consenso nella storia del centro-sinistra in Italia. Primo ministro di tre anni, due volte segretario generale del PD e forse il politico con più talento e impudenza che aveva dato la fruttuosa scena italiana negli ultimi anni. Ma ha fatto diversi calcoli errati che hanno liquidato la sua promettente leadership all’interno del partito e lo ha portato ai ranghi posteriori. Ai leader come lui non piace l’idraulica o la sfuocatura. Quindi la sua carriera nel PD si è conclusa quest’estate con un ultimo servizio avvelenato: convincere il suo segretario generale, riluttante fino ad allora, a formare un nuovo governo con l’M5S ed evitare così elezioni in cui la sua influenza in Parlamento sarebbe scomparsa.Ieri, dopo mesi di minacce e voci, dopo un lungo periodo di tessitura di un nuovo progetto in silenzio, la pausa è stata consumata e ha aperto un nuovo percorso verso la conquista dello spazio centrale di fronte a una festa che si chiamerà Italia Viva.

 

Renzi porterà con sé una trentina di parlamentari (il PD ha 111 deputati e 52 senatori) e troverà un nuovo partito che continuerà a sostenere il neonato dirigente. Almeno, fino alle prossime elezioni, ha promesso. Avrai bisogno di almeno 20 nomi nella Camera dei Deputati per costituire il tuo gruppo e, per ragioni normative, passerai al gruppo misto al Senato, dove sarà quasi impossibile avere una voce indipendente. Oggi alcuni sondaggi concedono un basso 5% nell’intenzione di voto, una cifra irrilevante per il suo scopo. Ma è l’ultima piroetta politica di un’estate di vertigine che aggiunge complessità al volatile equilibrio parlamentare italiano.

Renzi e Italia Viva: la Vera Strategia Politica di Matteo Renzi
Matteo Renzi parla durante una seduta del Senato italiano.

La strategia politica di Renzi è molto chiara.

Lo annuncia da mesi in interviste, libri e colloqui. In un momento di polarizzazione ideologica e una forte perdita di identità dei partiti centrali come il PD o Forza Italia, l’ex primo ministro fiorentino costruirà un nuovo partito su sua misura, ma che è in grado di assorbire l’area politica abbandonata dal scomparsa della vecchia democrazia cristiana e il crollo di Forza Italia. Il partito di Silvio Berlusconi, divorato dalla Lega e dal rifiuto del Cavaliere di lasciare il posto a una staffetta, è in uno stato di decomposizione avanzata e ha iniziato a vedere movimenti di escissione. Il PD, dopo l’alleanza con l’M5S, deve spiegare molto bene ai suoi militanti gli ultimi passi per non perdere il mantice nelle elezioni.

Il riferimento è in progetti come quello guidato dal presidente francese Emmanuel Macron.

“La vittoria che abbiamo ottenuto in Parlamento contro il populismo e Salvini è stata importante per salvare l’Italia, ma non abbastanza. Ora si tratta di costruire una casa giovane, innovativa e femminista, dove idee e proposte vengono lanciate per l’Italia e per la nostra Europa ”, M. Renzi.

La notizia della scissione è stata confermata martedì in un’intervista sul quotidiano La Repubblica in cui l’ex segretario generale l’ha definita “un bene per tutti”. La prima cosa che fece il fiorentino fu chiamare il Primo Ministro, Giuseppe Conte, per garantire il sostegno all’esecutivo che aveva contribuito a dare vita quest’estate. La chiave per la stabilità lo manterrà. Il problema, tuttavia, si sposta su un PD molto indebolito quando si tratta di bilanciare le forze con il suo nuovo partner. Renzi lo sa e invia un avviso ironico al suo segretario generale. “Zingaretti non avrà più la scusa per dire che non controlla i gruppi PD perché ora saranno liberi da me.”

I gruppi a cui si riferisce, tuttavia, hanno anche a che fare con la sua gestione del partito. La sua forte personalità e un carattere un po ‘arrogante e narcisistico hanno provocato lo scorso anno la scissione di una tradizionale corrente di sinistra guidata da vecchi leader come Massimo D’Alema o Pierluigi Bersani che lui stesso aveva insultato durante i suoi anni come segretario generale del PD ( minacciato di scartarli). Ma il problema oggi, considera, si estende a tutto il partito. “Il PD è un insieme di correnti” senza visione del futuro. […] Dopo sette anni di fuoco amico, penso che dobbiamo renderci conto che i nostri valori, le nostre idee, i nostri sogni non possono essere oggetto di lotte interne ogni giorno “, ha detto nell’intervista.

Il sanguinamento che causerà la panchina del PD sarà importante. Ma ci vogliono anche due pezzi del nuovo dirigente come il ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova e l’uguaglianza, Elena Bonetti. Una mossa importante da tenere d’occhio nel consiglio dei ministri, dove saranno prese molte delle decisioni che segneranno la propria tabella di marcia. Alcuni dei suoi intimi rimarranno, per ora. Stefano Ceccanti, un prezioso vice ed esperto costituzionalista, considera il movimento un errore: “Non sconfiggeremo la sovranità moltiplicando i partiti sul fronte opposto. Ci deve essere un partito di governo con una proposta europeista. E quello non sarà “, dice. Non è tuttavia escluso che, man mano che il progetto prende forma, il trasferimento potrebbe essere maggiore. Un’idea che terrorizza la formazione socialdemocratica,

La nuova creatura politica inizierà immediatamente a camminare per avere il tempo di prendere un volo in caso di caduta dall’attuale esecutivo. Per il momento, ha promesso, non si presenterà a nessun processo elettorale locale o regionale. Almeno durante il prossimo anno. Oltre a far avanzare il nome del nuovo dispositivo – lo ha fatto nel programma Porta a Porta di notte – ha spiegato che in un prossimo incontro di ottobre (il congresso di Renzian tenutosi a Firenze e noto come Leopolda) saranno presentati il ​​simbolo e le idee del partito . Sarà lì che verrà progettato il carattere di questa iniziativa che, senza dubbio, sarà estremamente simile a quello del suo creatore.

El Pais

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *