Paesi esenti da Tasse sulle Criptovalute: sono esentato dalle tasse se sono all’estero?

Paesi  esenti da tasse sulle criptovalute: Stai pensando di trasferirti in un altro paese dove non devi pagare tasse elevate sui tuoi investimenti in criptovalute? Beh, non sei solo. Poiché il valore delle criptovalute sale alle stelle, diversi paesi in tutto il mondo stanno imponendo pesanti tasse agli investitori in criptovalute e alle loro rispettive attività, il che potrebbe potenzialmente paralizzare i loro profitti. Queste tasse possono essere imposte come imposta sulle plusvalenze o come imposta sul reddito.

NB: i cittadini italiani all’estero hanno l’obbligo di pagare le tasse in Italia. Quindi se tu sei all’estero devi pagare le tasse sulle plusvalenze in Italia. In fondo potrai trovare tutte le specifiche per il cittadino italiano.

Fortunatamente, ci sono ancora alcuni paesi senza una tassa sulle criptovalute in cui puoi trasferirti o pagare pochissimo sui tuoi investimenti in criptovalute. Oggi vi sveliamo questi 10 migliori paesi esenti da imposte sulle criptovalute.

Leggi anche: Le criptovalute che possono farti guadagnare

Paesi esenti da tasse sulle criptovalute

  • Germania
  • Le Isole Cayman
  • El Salvador
  • Malaysia
  • Malta
  • Svizzera
  • Portorico
  • Bielorussia
  • Singapore
  • Portogallo

Germania

Sebbene la Germania sia uno dei paesi più tassati in Europa, ha un approccio molto interessante quando si tratta di criptovaluta. La Germania non considera la criptovaluta come un bene di capitale. Ciò significa che se decidi di detenere la tua criptovaluta per oltre un anno e di venderla in seguito, non sarai tassato di un solo centesimo.

Ma la parola chiave qui è “tenere” la tua criptovaluta. Perché se decidi di vendere la tua criptovaluta prima che sia trascorso un anno, verrai tassato per questo, a meno che i profitti che hai realizzato dalla vendita non siano inferiori a € 600.

La Germania ha anche un approccio unico quando si tratta di tassare le criptovalute in staking. Se stai puntando la tua criptovaluta per generare più entrate, questa cripto sarà tassata fintanto che la detieni per meno di 10 anni. Una volta trascorsi 10 anni, la tua criptovaluta in staking sarà esentasse.

Aspetta, prima di prenotare il tuo volo per Monaco, la Germania applica ancora l’imposta sul reddito nelle seguenti situazioni:Quindi, se stai facendo di più con la tua criptovaluta oltre allo staking e alla holding, allora la Germania potrebbe non essere il paradiso fiscale della criptovaluta più ideale per te.

Le Isole Cayman

Le Isole Cayman sono una delle regioni più controverse nel mondo della finanza. Quindi non sorprenderti se abbiamo questo adorabile gruppo di isole proprio qui nella nostra lista di paradisi fiscali crittografici.

Per diversi anni, le Isole Cayman sono state il paradiso fiscale per gli investitori in diversi mercati commerciali. Quindi la criptovaluta non fa eccezione e le Isole Cayman sono uno dei paesi senza tassa sulle criptovalute. Se ti trasferisci qui, sarai felice di scoprire che la loro autorità fiscale, l’Autorità monetaria delle Isole Cayman, non impone né un’imposta sulle plusvalenze né un’imposta sul reddito ai suoi residenti. Non c’è nemmeno l’imposta sulle società per le imprese.

Quindi, che tu abbia una piccola impresa di criptovalute o gestisci un’intera azienda, le Isole Cayman non ti tasseranno un centesimo. Tuttavia, il costo della vita qui è estremamente alto perché il paese genera entrate attraverso beni di lusso, turismo e permessi di lavoro. Quindi, anche se potrebbe essere il perfetto paradiso fiscale delle criptovalute, è meglio che tu abbia le tue finanze in ordine.

El Salvador

Nel settembre del 2021, El Salvador ha fatto notizia in tutto il mondo diventando la prima nazione ad accettare Bitcoin come moneta a corso legale. I cittadini ora possono acquistare di tutto, dai generi alimentari a una casa, utilizzando Bitcoin. Questo paese è anche un paradiso fiscale per te.

Il governo lo ha fatto per presentarsi come uno dei pochi paesi senza tassa sulle criptovalute ad attirare più investimenti nella regione. Ma non è tutto ciò che hanno fatto. Per dare agli stranieri un maggiore incentivo a trasferirsi nel loro paese, hanno annunciato che tutti gli stranieri sarebbero stati esentati dal pagamento delle tasse su qualsiasi reddito derivante dai loro guadagni in Bitcoin. Quindi, se sei un investitore Bitcoin, El Salvador è probabilmente il posto migliore in cui trasferirti.

Malaysia

Proprio come la Germania, la Malesia non considera la criptovaluta come un bene di capitale. Il governo malese non lo riconosce ulteriormente come corso legale. Ciò significa che la criptovaluta è essenzialmente esentasse nel paese.

Ma c’è una leggera svolta. La Malaysian Inland Revenue Board ha chiarito che la criptovaluta è esentasse solo se non è una forma di reddito ripetitiva o regolare. In breve, le entrate ti tasseranno se gestisci le tue criptovalute come un day trader.

Sfortunatamente per le aziende, non c’è modo di farlo. La Malesia impone un’imposta sul reddito su tutti i profitti generati dalle criptovalute e non importa se questi profitti sono in valuta fiat o in criptovalute.

Malta

Oltre ad essere nella nostra lista di paesi esenti da imposte sulle criptovalute, Malta è anche ufficialmente conosciuta come “isola blockchain” perché il paese riconosce la criptovaluta come riserva di valore e mezzo di scambio, enfasi sulla “riserva di valore”.

Ciò significa che non sarai soggetto ad alcuna imposta sulle plusvalenze su tutti i profitti a lungo termine generati dalla vendita della tua criptovaluta, purché sia ​​riconosciuta come una “riserva di valore”. Questo è ottimo se stai cercando di mantenere la tua criptovaluta per un po’ e venderla in seguito una volta che il prezzo sale a un valore redditizio.

Tuttavia, se operi come day trader di criptovalute, la tua criptovaluta sarà soggetta a un’imposta sul reddito d’impresa che arriva fino al 35% su tutti i tuoi profitti! Ma questo dipende in gran parte dal sistema fiscale maltese che analizza fattori come la tua residenza e quanto guadagni dalle criptovalute. Se rientri nella fascia giusta, puoi pagare un minimo del tre percento o nulla sui tuoi profitti. Ecco perché consideriamo Malta uno dei migliori paesi paradisi fiscali per le criptovalute.

Svizzera

Per anni, la Svizzera è stata considerata uno dei posti migliori al mondo per i finanzieri a causa del suo approccio lassista alla tassazione. Per quanto riguarda le criptovalute, il paese si è recentemente guadagnato il soprannome di criptovalle ed è uno dei principali paradisi fiscali delle criptovalute .

Ma prima di andare avanti, dobbiamo solo farti sapere che puoi ancora pagare la tassa sulle criptovalute in Svizzera; tutto dipende da fattori come la tua fascia fiscale e le attività che intraprendi.

Ad esempio, se sei un day trader qualificato o un minatore di criptovalute certificato, sarai soggetto sia a un’imposta sul reddito che a un’imposta sul patrimonio a seconda di quante entrate generi ogni anno.

Il lato positivo è che i singoli investitori che non fanno trading o mining a livello professionale non saranno soggetti ad alcuna imposta sulle plusvalenze. Il trading di criptovalute per questo gruppo è esentasse.

Portorico

Nonostante sia un territorio degli Stati Uniti, il governo locale di Porto Rico ha opinioni diverse quando si tratta di tasse. Con le criptovalute, ad esempio, i portoricani sono soggetti a un’aliquota dell’imposta sul reddito federale molto più bassa rispetto agli americani negli Stati Uniti continentali.

Ciò che è ancora meglio è che se acquisisci risorse digitali come residente a Porto Rico, non sei soggetto ad alcuna imposta sulle plusvalenze. Ciò significa che se ti trasferisci a Porto Rico, quindi acquisti criptovalute lì, non dovrai pagare alcuna tassa su di essa. Tuttavia, per qualsiasi criptovaluta che hai acquistato al di fuori del territorio, dovrai contattare l’ente delle entrate del tuo paese natale. A parte questo, Porto Rico è sicuramente considerato uno dei paesi senza tasse sulle criptovalute.

Bielorussia

La Bielorussia ha una delle aliquote fiscali amichevoli in tutta l’Europa orientale e occidentale. Quindi non sorprende che sia nella nostra lista di paesi criptati esenti da tasse. Nel marzo del 2018, il paese ha deciso di adottare un approccio molto perspicace alla criptovaluta. A differenza della maggior parte dei paesi europei che hanno imposto alcune leggi fiscali sulle criptovalute durante il boom di Bitcoin, il paese ha deciso di legalizzare le transazioni in criptovalute ed esentare tutte le aziende e gli individui da qualsiasi imposta sulle criptovalute fino al 2023.

Ciò significa che tutti i profitti generati da attività crittografiche come mining, trading, staking e holding non comportano né un’imposta sulle plusvalenze né un’imposta sul reddito.

Questa legge è stata attuata dal governo bielorusso per incoraggiare gli investimenti digitali all’interno del paese. C’è ancora un anno in più per godere di questo vantaggio, quindi è meglio agire se vuoi goderti i vantaggi di uno dei paesi più belli senza tasse sulle criptovalute.

Singapore

Probabilmente hai notato la massiccia tendenza migratoria che gli exchange di criptovalute come Phemex e KuCoin hanno fatto per spostare il loro quartier generale a Singapore. Bene, c’è una buona ragione per questo: Singapore non ha un’imposta sulle plusvalenze. Quindi non importa se stai realizzando un profitto vendendo la tua criptovaluta o scambiandola, non sarai tenuto a pagare alcuna tassa dai profitti generati. Rende Singapore uno dei paesi crypto esenti da imposte.

Il governo di Singapore vede anche la criptovaluta come una proprietà immateriale. Ciò significa che se acquisti beni o servizi utilizzando le criptovalute, lo scambio viene visto come un baratto piuttosto che un pagamento. Quindi, mentre i beni o i servizi sono tassati, il tuo token crittografico non lo è.

Sfortunatamente, questo servizio è disponibile solo per i singoli investitori. Se sei un’azienda che accetta criptovalute come pagamento, allora c’è un’imposta sul reddito. Questo vale anche per qualsiasi azienda che vende criptovalute come servizio principale.

Poi di nuovo, come investitore individuale, questo è uno dei migliori paradisi fiscali crittografici.

Portogallo

Oltre alle spiagge soleggiate e ai fantastici resort del Portogallo, vorrai anche andare in Portogallo per il suo approccio redditizio agli investitori in criptovalute. Il Portogallo è uno dei migliori paesi esenti da imposte sulle criptovalute in cui trasferirti se vuoi goderti i tuoi profitti in criptovalute, fino all’ultimo centesimo.

Nel 2018, il governo portoghese ha dichiarato esentasse tutti i profitti derivanti dalla vendita di criptovalute. Il governo portoghese ha anche dichiarato che tutto il reddito generato dal trading di criptovalute è esentasse.

Quindi, finché non sei un’azienda di crittografia certificata in Portogallo, non sarai soggetto ad alcuna imposta sul reddito o IVA. Pertanto, per un ampio pool di investitori in criptovalute, il Portogallo è il miglior paradiso fiscale criptato del pianeta.

Ci auguriamo che il nostro articolo sui paesi esenti da imposte sulle criptovalute sia stato utile. Tuttavia, prima di fare qualsiasi piano di trasferimento in paesi senza criptovalute, dovresti parlare con un professionista fiscale e consulente legale che ti guiderà meglio e ti informerà sulle ultime normative.

Paesi esenti da Tasse sulle Criptovalute

Paesi esenti da Tasse sulle Criptovalute

 

Paesi esenti da Tasse sulle Criptovalute

 

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *