Imposta Patrimoniale negli Stati Uniti di Elizabeth Warren

Il piano fiscale sulla ricchezza preoccupa i miliardari statunitensi
Bill Gates non è l’unico scettico della politica progressista di Elizabeth Warren Il dibattito sull’opportunità o meno degli Stati Uniti di imporre una tassa federale sulla ricchezza ha attaccato la politica americana dopo che la candidata democratica alla presidente Elizabeth Warren ha presentato il piano come uno dei pilastri della sua campagna.

La signora Warren ha avanzato l’idea come un modo per pagare le sue proposte sanitarie. Ma la prospettiva è scomoda per i miliardari del paese. La scorsa settimana il fondatore di Microsoft Bill Gates si è chiesto se la Warren sarebbe disposta a sedersi con lui per discutere del piano – ha risposto che le sarebbe piaciuto spiegargli esattamente cosa avrebbe potuto pagare.

Ecco di cosa potrebbero discutere.

Che cos’è un’imposta patrimoniale?

La maggior parte delle entrate del governo federale degli Stati Uniti proviene da imposte sul reddito, come salari personali e profitti aziendali. Il governo tratta anche i rendimenti degli investimenti come reddito, attraverso un’imposta sulle plusvalenze, ma attualmente non esiste alcuna imposta sul capitale di tali investimenti – sulla ricchezza.

I singoli Stati Uniti tassano le case e le proprietà commerciali da pagare per le scuole primarie e i dipartimenti di polizia locali e il governo federale valuta una tassa sulle proprietà di oltre $ 11 milioni.

Un’imposta federale sulla ricchezza, o come viene chiamata in Italia ‘una patrimoniale,  tuttavia, colpirebbe ogni anno il patrimonio netto totale di una famiglia, cadendo su tutte le attività, comprese le case, i portafogli di azioni e obbligazioni, l’arte, i terreni e gli yacht.

Quanto pagherebbe Mr Gates?

La signora Warren ha proposto quella che la sua campagna chiama una tassa “ultra milionaria” del 2% su beni superiori a 50 milioni di $, più un tot % di miliardario in eccesso” su beni superiori a $ 1 miliardo.

Mr Gates vale 107 miliardi di dollari , secondo Forbes. La campagna di Warren afferma che il prossimo anno pagherebbe $ 6,4 miliardi.

Emmanuel Saez e Gabriel Zucman, economisti dell’Università della California a Berkeley che hanno progettato la tassa ultra milionaria, hanno calcolato che se il surplus del 3% miliardario fosse stato in vigore dal 1982, Gates avrebbe valso 36 miliardi di dollari fino l’anno scorso.

Bernie Sanders, un altro candidato di spicco per la nomination democratica, ha un piano ancora più ambizioso  . Inizia all’1% su un patrimonio netto superiore a $ 32 milioni e aumenta le tasse a passi fino a quando arriva all’8% per una ricchezza superiore a $ 10 miliardi.

La campagna di Sanders afferma che ciò porterebbe il conto di Mr Gates a un’amministrazione di Sanders a $ 8,3 miliardi e che il piano taglierebbe a metà la ricchezza dei miliardari nei prossimi 15 anni.

Imposta Patrimoniale negli Stati Uniti di Elizabeth Warren
Quanto avrebbero dovuto pagare i vari miliardari americani con patrimoniale da 3% e da 10%

Perché tassare la ricchezza?

Entrambi i candidati sottolineano che la disparità di ricchezza è peggiore negli Stati Uniti rispetto a qualsiasi altro paese sviluppato.

Saez e Zucman hanno esaminato i registri pubblici delle imposte pagate sulle plusvalenze e le hanno utilizzate per dedurre il valore delle attività sottostanti.

Hanno scoperto che la quota di ricchezza delle famiglie appartenente al più ricco 0,1 per cento delle famiglie statunitensi è salita al 22 per cento nel 2012, dal 7 per cento nel 1978. Da allora la concentrazione non è cambiata; è possibile che le famiglie più ricche abbiano visto rendimenti più bassi della ricchezza, o che le famiglie della classe media abbiano pagato i loro debiti.

Zucman ha affermato che la tendenza è stata la stessa, indipendentemente da come si misura la ricchezza. “Se guardi i dati sull’imposta sul reddito, i dati sull’imposta sulla proprietà, la classifica di Forbes, tutti dipingono essenzialmente la stessa immagine”, ha detto.

Sanders afferma che questo vale da solo, descrivendo gli ultimi decenni di politica economica come un “massiccio trasferimento di ricchezza” dal basso verso l’alto. Warren sottolinea che “la ricchezza di una famiglia è anche una misura importante di quanto ha beneficiato dell’economia e della sua capacità di pagare le tasse”.

Entrambi i candidati hanno indicato le entrate derivanti dalle imposte sul patrimonio come un modo per compensare alcuni dei loro piani di spesa, compresa l’assistenza sanitaria gestita dal governo per tutti.

In un controverso  dibattito pubblico in ottobre, Saez ha affermato che la ricchezza ha creato potere, che ha distorto la politica. Lawrence Summers, un economista che è stato segretario del Ministero del Tesoro sotto Bill Clinton, ha risposto che ci sono voluti solo milioni per essere influenti in politica e che Gates non era stato in grado di usare la sua ricchezza per prevenire un caso antitrust contro Microsoft dal governo federale .

Gates e altri miliardari hanno indicato i loro contributi di beneficenza come un migliore utilizzo della loro ricchezza.

Un’imposta sul patrimonio verrebbe imposta sul valore maturato da un’attività, senza attendere che venga realizzata. L’OCSE ha sostenuto che ciò potrebbe incoraggiare i ricchi a investire i propri beni in modi che offrano maggiori benefici all’economia, spingendo a investire maggiormente in start-up e meno in case estive che non generano rendimenti.

Altri paesi l’hanno provato?

Hanno, e molti di loro hanno terminato l’esperimento. Nel 1990 12 paesi dell’OCSE si basavano su imposte sul patrimonio; entro il 2017, c’erano solo quattro. Le tasse sulla ricchezza erano costose da amministrare e anche se la ricchezza delle famiglie cresceva, le entrate delle tasse sulla ricchezza no, suggerendo una diffusa evasione ed elusione

Saez e Zucman hanno affermato che la progettazione di un’imposta sul patrimonio è importante. I paesi condividono più dati rispetto al passato ed è diventato più facile stimare i valori delle attività, rendendo più difficile l’evasione. Anche le norme sociali svolgono un ruolo. I ricchi hanno perso il senso di vergogna che avrebbero potuto avere una volta eludendo le tasse, alcuni sostengono.

“L’atteggiamento delle persone al potere è molto importante”, ha dichiarato Saez. “Franklin Roosevelt ha trascorso molto tempo alla radio, facendo vergognare chi evita le tasse”

Una tassa sul patrimonio potrebbe diventare legge?

Gli ostacoli politici sono alti. La signora Warren deve scontrarsi con i rivali che affermano che le sue politiche progressiste andranno a vuoto con il più ampio elettorato e anche se vincerà la Casa Bianca avrà probabilmente bisogno di una stragrande maggioranza democratica al Congresso per vedere le sue proposte.

E poi c’è la Costituzione degli Stati Uniti. Il sedicesimo emendamento conferisce al Congresso il potere di riscuotere le tasse sui redditi. Se una tassa sulla ricchezza è una tassa sul “reddito imputato” – i potenziali rendimenti che le persone potrebbero guadagnare dall’investimento della propria ricchezza – allora è protetta dal sedicesimo emendamento. In caso contrario, il corpo della Costituzione afferma che “le tasse dirette devono essere ripartite tra gli stati. . . secondo i rispettivi numeri ”.

Non è affatto chiaro cosa sia una tassa diretta, ha affermato Reed Shuldiner, professore di diritto tributario presso la University of Pennsylvania Law School. Per quanto riguarda i rispettivi numeri, è possibile sostenere che un’imposta sul patrimonio ricadrebbe sproporzionatamente sugli stati ricchi di New York, California e Florida.

La campagna della Warren afferma che i principali studiosi costituzionali ritengono che la sua tassa sia costituzionale. Sarebbe quasi certamente contestato e portato dinanzi a una Corte suprema appoggiata dai conservatori.

La situazione italiana

In Italia questo tipo di miliardari è molto meno presente nel paese. Se il prossimo Presidente degli Stati Uniti dovesse essere la Warren e se la Warren mettesse questa imposta patrimoniale però, probabilmente anche uno dei futuri governi italiani potrebbe pensare ad una cosa del genere.

La cosa di per sè potrebbe rivelarsi però molto pericolosa e contro producente. Perchè l’Italia non è l’America e con il populismo dilagante che c’è in Italia, il limite di 50 milioni di dollari potrebbe scendere vertiginosamente a 5, oppure ad 1 milione di euro e questo farebbe scappare cittadini italiani con questo tipo di patrimoni in posti dove il fisco è più leggere, sostanzialmente impoverendo un paese già in fase di impoverimento per i suoi problemi strutturali, in primis quello demografico.

Fonte: FT.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *