Tasse Azioni FAANG: Facebook, Google, Amazon, l’UE litiga

L’Europa sta litigando sul regime fiscale da imporre ai colossi del web come Google (Nasdaq: GOOGL) , Amazon (Nasdaq: AMZN)  e Facebook (Nasdaq: FB) ( le aziende delle cosiddette azioni FAANG

Una rottura tra i paesi dell’Unione Europea rispetto a una proposta di tassa sui giganti della tecnologia dovrebbe riprendere martedì, quando i ministri delle finanze cercheranno di trovare un equilibrio tra l’attività imprenditoriale e il malcontento popolare sulle società che non pagano la loro giusta quota.

I ministri riuniti a Bruxelles cercheranno di portare avanti una proposta legislativa per un prelievo del 3% sulle vendite europee di aziende con un fatturato annuo globale di 750 milioni di euro (853 milioni di dollari) o più, come Facebook Inc., Alphabet Inc. e Amazon .com Inc. L’industria tecnologica ha respinto la tassa, dicendo che avrebbe diminuito gli investimenti in Europa.

Guidato dalla Francia, il piano ha incontrato resistenze da paesi come l’Irlanda e la Svezia, che mettono in discussione la saggezza dell’UE che si esprime da sola vista la natura globale dei servizi digitali. A complicare ulteriormente le cose, i rischi fiscali che provocavano l’ira del presidente Donald Trump nel bel mezzo di un commercio transatlantico, sputavano, poiché la maggior parte delle società interessate sarebbero state basate negli Stati Uniti.

La Germania sta gradualmente spostando la sua posizione, segnalando che la tassa dovrebbe essere un’opzione alternativa se i negoziati globali su una tassa digitale falliscono. Ciò lo mette fuori dal comune con la Francia, che ha spinto per una tassa provvisoria che sarebbe in vigore fino a quando non sarà raggiunto un accordo globale.

Tasse Azioni FAANG: Facebook, Google, Amazon, l'UE litiga

L’UE litiga per le tasse di Facebook, Google, Amazon, le azioni FAANG

“Abbiamo bisogno di progressi incredibilmente rapidi a livello internazionale”, ha detto oggi il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz. “Al momento sembra davvero che possiamo raggiungere questo obiettivo, ma dobbiamo in qualche modo avere qualcosa a portata di mano, uno strumento negoziale molto chiaro che ci consente di essere nella posizione di negoziare se ciò non accade nel prossimo anno, anno e mezzo. ”

Il Regno Unito, spesso considerato un hub tecnologico, il mese scorso ha annunciato l’intenzione di introdurre la propria tassa sulle maggiori compagnie Internet, con l’obiettivo di raccogliere 400 milioni di sterline (521 milioni di dollari) all’anno. Anche paesi dalla Corea del Sud all’Australia stanno colmando scappatoie che consentono alle compagnie di reindirizzare i profitti verso le giurisdizioni con tasse inferiori. Le norme fiscali tradizionali non sono riuscite a catturare le attività di queste società, alimentando la rabbia degli elettori insoddisfatti dopo anni di austerità e la scarsa crescita dei salari.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha detto oggi che entro la fine dell’anno deve essere raggiunto un accordo sul piano fiscale. “È questa decisione politica che conta ai nostri occhi, anche se siamo aperti al miglioramento tecnico della proposta della Commissione”, ha detto.

L’idea alla base della proposta di tassazione europea è concentrarsi su dove si basano gli utenti di tecnologia, piuttosto che su dove una società colloca il proprio quartier generale. Il prelievo si applicherebbe sulle entrate provenienti dalla “pubblicità mirata” e dai “servizi di intermediazione”, mentre l’imposta sarà imposta sul fatturato, indipendentemente dal profitto o dalla perdita, e non sarà collegata o “accreditabile” alle imposte societarie esistenti, secondo appunti confidenziali diffusi tra gli stati membri e visti da Bloomberg.

Alcuni paesi non sono d’accordo sul fatto che la “vendita di dati degli utenti” debba essere tassata, secondo un promemoria interno del 29 ottobre distribuito ai governi nazionali. La presidenza austriaca del Consiglio dell’Unione europea, che rappresenta gli interessi degli Stati membri nel processo legislativo, sta spingendo per un accordo entro la fine dell’anno.

I governi non sono d’accordo sul fatto che la tassa debba avere una data di scadenza fissa o una clausola di revisione legata agli sviluppi globali, supponendo che sia implementata come misura provvisoria. Tutte le delegazioni nazionali concordano che l’imposta sarebbe stata abrogata se l’OCSE o il gruppo di 20 nazioni raggiungesse un accordo per una soluzione coordinata per le società di tecnologia fiscale, secondo uno dei documenti diffusi prima della riunione.

Nel periodo precedente all’incontro di martedì, alcuni paesi hanno anche espresso dubbi sul fatto che l’iniziativa violerebbe i trattati esistenti per evitare la doppia imposizione. In aggiunta alla confusione, i servizi legali della Commissione europea, il braccio esecutivo del blocco e il Consiglio degli Stati membri sono in disaccordo sulla base legale della tassa.

Poiché è richiesta l’unanimità per passare le tasse, l’imposta potrebbe finire per essere accantonata o trascinata in negoziati tra un piccolo gruppo di Stati membri che desiderano fare da soli.

“Diversi stati membri potrebbero introdurre una tassa e creare gravi distorsioni nel mercato unico dell’UE”, ha dichiarato Guntram Wolff, direttore del think tank Bruegel con sede a Bruxelles. “È meglio avere un approccio europeo piuttosto che un mosaico di tasse nazionali sbagliate”.

Aliquote IVA in Italia e nel mondo

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *