Incentivi alle imprese: le agevolazioni fiscali per le PMI spiegate da Metatasse

Quando si parla del carico fiscale delle PMI italiane si prende spesso come riferimento il famoso rapporto dell’Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre CGIA, nel quale si leggeva che le piccole e medie imprese italiane finiscono per vedersi sottratto il 59,1% dei profitti. Laddove, si diceva nel medesimo rapporto, le multinazionali del web presenti in Italia si fermano a un tax rate di appena il 33,1%. Non stupisce quindi che gli imprenditori italiani siano alla costante ricerca di efficaci metodi per ridurre il carico fiscale. Ma come pagare meno tasse rispettando la legge? Come sottolineano gli esperti di Metatasse è possibile proteggere il proprio patrimonio in modo al 100% legale, a partire da un’efficace programmazione fiscale che tenga in considerazione le peculiarità dell’impresa, lo scenario attuale e gli strumenti fiscali messi a disposizione dal Legislatore. E in effetti, spiegano i consulenti di Metatasse, esistono tante agevolazioni fiscali alle quali le imprese possono attingere.

Incentivi alle imprese: le agevolazioni fiscali per le PMI

Le agevolazioni fiscali per le PMI

Non è facile tenere traccia delle agevolazioni fiscali per le PMI presenti nel panorama italiano: non a caso i consulenti di Metatasse parlano di “labirinto fiscale” in continua evoluzione. Vale quindi la pena ricordare quelli che sono i principali incentivi per le imprese italiane:

Nuova Sabatini

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy definisce la misura Beni strumentali, anche detta per l’appunto “Nuova Sabatini”, come l’agevolazione che punta a “facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese”, sostenendo gli investimenti fatti per acquistare (o acquisire in leasing) attrezzature, macchinari, beni strumentali, hardware e software. Questa agevolazione fiscale è stata rifinanziata dalla Legge di Bilancio 2022 fino al 2027, unitamente alle varianti “Green” e “Sud”.

Piano di Transizione 4.0

Il Piano di Transizione 4.0 mette a disposizione delle imprese che investono in innovazione dei crediti d’imposta. Sono previste delle aliquote differenti, che variano in base alle categorie di beni presi in considerazione. Nel caso del Credito d’imposta ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica, per esempio, per le sole attività di innovazione tecnologica è previsto un credito d’imposta al 10% della relativa base di calcolo fino al 31 dicembre 2023, per poi passare al 5% nel periodo d’imposta successivo.

Imprese On

Per sostenere le imprese formate da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di qualsiasi età il Ministero delle imprese ha predisposto dei finanziamenti fino al 20% della spesa sostenuta per realizzare delle nuove iniziative o per trasformare delle realtà imprenditoriali già esistenti. I finanziamenti sono disponibili per i settori del commercio, dei servizi, del turismo e del manifatturiero.

Formazione 4.0

La spinta verso la trasformazione tecnologica e digitale non può essere né completa né efficace senza il rinnovo delle competenze. Per questo motivo è presente una misura dedicata che prevede un credito d’imposta del 50% per le medie imprese e del 70% per le piccole imprese, fino a un limite massimo annuale posto a 300 mila euro.

New Green Deal

Non vanno dimenticate le agevolazioni finanziarie volte a incentivare i progetti di ricerca e di sviluppo in chiave di transizione ecologica. Il fondo va a finanziare progetti legati alla rigenerazione urbana, al turismo sostenibile, alla decarbonizzazione e ad altri temi green.

Queste sono le principali agevolazioni fiscali per le PMI attualmente presenti nel sistema italiano. Come ricordano gli esperti di Metatasse ci sono anche altri strumenti preziosi a disposizione delle PMI, come per esempio il Fondo Impresa Femminile, il Fondo di garanzia PMI, Resto al Sud, il Fondo PMI creative: diventa quindi cruciale trovare le iniziative a cui puntare per ridurre le tasse e rendere più competitiva la propria impresa. 

La Redazione di Economia Italia è formato da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.