11 Paesi Europei Dove Pagare Meno Tasse

Le aliquote fiscali di solito molto elevate dell’Europa hanno allontanato molti imprenditori e investitori di successo di tutto il mondo, dall’idea di andare alla ricerca di paesi a tassazione zero nei Caraibi, nel Medio Oriente o nell’Oceano Pacifico.

La buona notizia è che non è necessario trasferirsi alle Bahamas o a Dubai per godere di tariffe fiscali basse fintanto che puoi investire parte del tuo denaro in Europa.

In questo articolo abbiamo stilato un elenco di quasi una dozzina di paesi europei con aliquote fiscali favorevoli per ridurre il carico fiscale.

Ecco il punto: mentre vivere in Europa e vivere in uno dei paesi con le tasse più basse è un’impresa rara, è possibile per quasi chiunque vivere in Europa a tempo pieno e pagare tasse basse sul proprio reddito… anche se sono non un milionario.

Non stiamo parlando di vivere come un nomade digitale . Certo, è possibile trascorrere tre mesi d’estate vivendo in Europa, e poi trascorrere altri mesi più a sud, in un paese come la Serbia.

Finché non stabilisci vincoli fiscali in nessun paese, la tua unica preoccupazione è assicurarti di non essere intrappolato nelle tasse nel tuo paese d’origine.

Tuttavia, un tema ricorrente tra gli imprenditori a sette e otto cifre con cui lavoriamo è il desiderio di una casa.

Per molte persone di successo, trascinare una valigia in giro per il mondo non fa proprio al caso loro. Vogliono una casa (quasi) a tempo pieno E i vantaggi di una tassazione minima.

È qui che entrano in gioco i paesi a bassa tassazione.

Mentre alcuni altri paesi come la Francia o l’Italia saranno sempre off-limits per coloro che cercano un’eccellente pianificazione fiscale, vale la pena considerare i seguenti paesi.

11 Paesi Europei Dove Pagare Meno Tasse

1. Andorra

Questo villaggio medievale con appena 75.000 abitanti è un microstato incastonato tra le montagne mostra la bellezza della campagna di Andorra.

Andorra è un piccolo stato situato tra Spagna e Francia. È noto da tempo come destinazione per lo shopping duty-free, ma negli ultimi anni si è anche affermato come paradiso fiscale.

La pressione dell’Unione Europea ha indotto Andorra a implementare la sua prima imposta sul reddito nel 2015, ma le aliquote sono ancora molto basse: l’imposta sul reddito personale è pari al 10%, mentre l’imposta sul reddito delle società è del 10%.

Andorra non ha imposte sul patrimonio, sulle donazioni, sulla successione e sulle plusvalenze. L’unica eccezione è l’imposta sulle plusvalenze immobiliari, che è applicata a tutte le vendite di immobili ad Andorra.

Per ottenere la residenza ad Andorra è necessario fare un investimento o avviare una società.

In sintesi, Andorra offre i seguenti vantaggi:

  • Bassi tassi di tassazione:
    • Imposta sul reddito personale: 10%
    • Imposta sul reddito delle società: 10%
  • Assenza di imposte patrimoniali, sulle donazioni, sulla successione e sulle plusvalenze
  • Shopping duty-free
  • Paesaggio idilliaco

Andorra è quindi una destinazione ideale per:

  • Investitori e imprenditori
  • Persone con plusvalenze o ricchezza generazionale
  • Chi cerca un luogo con bassi tassi di tassazione e un ambiente piacevole

A meno che tu non sia molto noto nel tuo campo, ci sono due modi per ottenere la residenza: fare un investimento o avviare una società.

In ogni caso, dovrai impegnarti a trascorrere 90 giorni all’anno vivendo ad Andorra, affittare o possedere una proprietà, mantenere un legame e mantenere un’assicurazione sanitaria; molti residenti sono esentati dalle aliquote fiscali già basse a seconda di come viene guadagnato il loro reddito.

Per avviare una società sarà necessario presentare il proprio CV e un business plan, oltre a depositare una cauzione di 50.000 euro per un singolo richiedente.

Questo percorso richiede molto meno capitale iniziale, ma è necessario gestire effettivamente un’impresa, il che significa che vivere ad Andorra dovrebbe far parte della pianificazione aziendale e fiscale complessiva.

Se preferisci essere un residente passivo, puoi investire 400.000 € ad Andorra, che possono includere investimenti nel settore immobiliare. Richiesta di emigrare in Andorra QUI

2. Ungheria

Battendo la Bulgaria, l’Ungheria ha un’aliquota fiscale sul reddito delle società pari al 9% senza alcun minimo. Anche l’imposta sul reddito personale è una delle più ragionevoli d’Europa, con un’aliquota standard pari al 15% del reddito lordo imponibile.

Dividendi, plusvalenze e interessi sono tassati ad un’aliquota fissa del 15%, con un contributo sociale massimo annuo di € 2.000.

Per qualificarti come residente fiscale, devi trascorrere 183 o più giorni in Ungheria in un anno solare o avere una residenza permanente lì. In alternativa, il tuo centro di interesse deve essere nel territorio se hai più case in vari paesi, inclusa l’Ungheria.

I non residenti pagano l’imposta sul reddito delle società solo per le attività commerciali svolte da qualsiasi società ungherese. Ora hai la possibilità di pagare qualsiasi passività fiscale ungherese sul reddito delle società in dollari USA o in euro.

Sebbene l’Ungheria offra un’imposta sul reddito societaria bassa e una ragionevole tassazione sul reddito personale, è molto meno favorevole all’immigrazione rispetto a molti dei suoi colleghi Stati membri dell’UE. (Va anche notato che l’Ungheria è stata uno dei più importanti sostenitori in Europa della confisca della ricchezza .)

3.Bulgaria

Con un tasso fisso del 10%, la Bulgaria ha l’aliquota fiscale sul reddito personale più bassa dell’Unione Europea. Anche l’aliquota fiscale sulle società della Bulgaria è del 10%, il che significa che ha la seconda aliquota fiscale sulle società più bassa nell’UE, dopo l’Ungheria. La Bulgaria mantiene anche trattati fiscali con molti paesi che potrebbero consentire un trattamento fiscale speciale per alcuni imprenditori internazionali.

Le imposte sui salari sono limitate al 19,6% .

Fondamentalmente, il sistema fiscale bulgaro è semplice: vivere lì e pagare le tasse solo al 10%. Puoi diventare residente fiscale vivendo in Bulgaria per almeno 183 giorni all’anno, oppure convincendo l’ufficio delle imposte che la Bulgaria è il tuo “centro della vita”.

Sebbene il semplice soggiorno nel paese sia spesso più semplice, il test del “centro della vita” ti offre maggiore flessibilità e coinvolge una serie di fattori. L’Europa orientale è uno dei luoghi più sottovalutati al mondo in cui vivere , anche se al di fuori dei paesi balcanici potresti preferire vivere in Serbia o Romania.

Detto questo, la Bulgaria ha il vantaggio di essere un luogo piuttosto aperto in cui operare, con conti bancari facili da aprire e un sostanziale settore di società offshore a bassa tassazione che attira molti imprenditori e capitali.

Controlla la cittadinanza bulgara tramite il programma di investimento e scopri se ottenere la cittadinanza bulgara aiuterà la tua strategia fiscale. Se hai bisogno di una residenza o di un’azienda nell’UE per motivi di lavoro, la Bulgaria è l’ideale.

4. Repubblica Ceca

Nonostante sia una delle principali destinazioni turistiche d’Europa, Praga ha uno dei costi di vita più economici dell’Europa centrale.
La Repubblica Ceca viene spesso ignorata come giurisdizione a bassa tassazione nonostante abbia razionalizzato sia le aliquote dell’imposta sul reddito delle persone fisiche che quelle dell’imposta sulle società a livelli ragionevoli.

La Repubblica Ceca è già da tempo una destinazione attraente per gli stranieri. Praga, in particolare, figura regolarmente nelle liste delle migliori città europee .

Essendo una residenza a bassa tassazione, la Repubblica Ceca (o la Repubblica Ceca, come preferiscono) è la più adatta per i cittadini dell’Unione Europea.

Questo perché i lavoratori autonomi europei non solo possono avvalersi dell’aliquota fissa del 15% della Repubblica ceca, ma possono anche applicare una detrazione fiscale forfettaria al posto delle spese effettive.

Per la maggior parte degli imprenditori, la somma forfettaria può ridurre la flat tax del 40% o del 60%, lasciando un’aliquota fiscale effettiva compresa tra il 6% e il 9% per gli imprenditori autonomi.

Come il Portogallo e altri paesi dell’Unione Europea, se scegli di vivere in Repubblica Ceca è necessaria una reale pianificazione fiscale.

Per prima cosa, dovrai affittare o possedere una vera casa; la buona notizia è che il costo della vita a Praga è sorprendentemente basso considerando la popolarità della città tra i turisti e i nomadi digitali.

5. Georgia

La Georgia ha un panorama turistico diversificato. Ad esempio, Mtskheta, in Georgia, ospita un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Anche se la Georgia potrebbe non essere al centro dell’Europa, la sua posizione nel Caucaso la colloca esattamente tra l’Europa orientale e l’Asia.

Curiosità: la Georgia è anche l’unico paese europeo con un sistema fiscale ampiamente territoriale , il che significa che il reddito di fonte estera adeguatamente strutturato non viene tassato nella maggior parte dei casi.

L’imposta sul reddito della Georgia è fissata all’1% per gli individui con un reddito annuo fino a 500.000 Lari georgiani (GEL), che equivale a circa ($ 194.000 USA) con imposta sul reddito personale dello 0% sui redditi di origine estera.

Quindi, per i cittadini non statunitensi, è facile creare una struttura internazionale e pagare zero tasse sui profitti pur essendo legalmente residente in Georgia . È anche possibile mantenere una base di residenza part-time in Georgia senza incorrere in obblighi fiscali.

Puoi anche diventare residente fiscale senza vivere in Georgia se puoi dimostrare ricchezza o reddito elevato. Sebbene la capitale della Georgia, Tbilisi, non sia Parigi, la Georgia è uno dei paesi più sicuri al mondo e uno dei nostri preferiti qui su Nomad Capitalist .

Il costo della vita è estremamente basso e attività come il fumo e il gioco d’azzardo sono estremamente economiche rispetto all’Unione Europea altamente regolamentata.

6. Gibilterra

Gibilterra offre visti di residenza a ricchi investitori disposti a pagare una flat tax annuale.
Gibilterra è stata per lungo tempo una residenza fiscale popolare per i cittadini britannici, ma i vantaggi di Gibilterra come residenza a tassazione ridotta sono disponibili a chiunque.

Situata all’estremità meridionale della penisola iberica, al confine con la Spagna a nord, Gibilterra è un territorio britannico d’oltremare. Ciò significa che, pur essendo un paese sovrano, è in grado di definire le proprie politiche fiscali.

Esistono due modi per diventare residente a Gibilterra: avviare una società o dimostrare un patrimonio netto elevato. Come di solito accade con questi programmi, è più facile per gli imprenditori qualificarsi formando una società, ma dimostrare la propria ricchezza è più facile a lungo termine.

Il metodo High Executive Possessing Specialist Skills, o HEPSS, consente agli imprenditori con società di Gibilterra di pagare un’imposta massima sul proprio stipendio.

Devi guadagnare più di £ 120.000 all’anno, ma sarai tassato solo su £ 120.000. Ciò si traduce essenzialmente in una flat tax di £ 29.940, sebbene sia necessario considerare anche l’eventuale imposta sulle società di Gibilterra. Dovrai possedere o affittare una casa a Gibilterra.

Anche il programma visti di categoria 2 è allettante, ma richiede un patrimonio netto di 2 milioni di sterline – circa 2,5 milioni di dollari – per qualificarsi. Ci sono pochi requisiti oltre a dimostrare questo livello di ricchezza; il requisito principale è acquistare o affittare una casa “qualificata”.

A parte questo, non puoi svolgere quasi nessuna attività commerciale nel territorio di Gibilterra. Pagherai una tassa annuale minima di £ 32.000 e una tassa annuale massima di £ 37.000 in base alle aliquote dell’imposta sul reddito stranamente progressive ma poi regressive di Gibilterra che vanno dal 10% al 29%, con il 12,5% come imposta standard.

7. Malta

Malta consente ai cittadini stranieri di pagare una tariffa fissa annuale ed esentare i loro redditi esteri dalle imposte maltesi.
Malta è uno dei soli quattro paesi in questo elenco che fanno parte dell’area Schengen e uno dei soli tre che fanno anche parte dell’Unione Europea. La nazione insulare ha sviluppato alcuni dei programmi più agevolati dal punto di vista fiscale sia per i singoli residenti che per le società, con aliquote fiscali sulle società fino al 5% possibile per le società non residenti.

Malta dispone da tempo di un programma di residenza a tariffa fissa, ma come ho discusso nel post recente il nuovo Programma di residenza globale è diventato la seconda residenza permanente di scelta.

A differenza di Andorra e Monaco, Malta non richiede alcuna presenza fisica sulle sue due isole del Mediterraneo, il che significa che puoi stabilire la residenza ma non viverci affatto.

Inoltre, si sono vantati di ridurre la burocrazia e persino di consentire ai residenti di includere il personale domestico nelle loro domande (simile al programma MM2H della Malesia ).

I residenti maltesi non sono soggetti a tassazione a Malta sui redditi di origine estera mantenuti al di fuori del paese. Inoltre, non sono soggetti a tassazione sulle plusvalenze straniere, anche se tali plusvalenze vengono inviate su un conto bancario maltese.

Gli altri redditi, comprese le pensioni, possono essere tassati una volta con una percentuale fissa del 15% grazie alla rete di trattati fiscali di Malta. Il costo per il mantenimento della residenza a Malta è una “tassa minima” fissa di € 15.000 da pagare ogni anno. Con una corretta pianificazione, questa dovrebbe essere anche l’imposta massima. È anche possibile ottenere il certificato di residenza fiscale.

8. Monaco

Monaco non ha alcuna imposta sul reddito personale.
Sebbene Monaco non sia un membro a pieno titolo dell’Unione Europea, partecipa di fatto allo spazio Schengen senza frontiere, offrendo un’eccellente mobilità.

L’esclusività e la vicinanza di Monaco alla Francia e al resto d’Europa ne fanno una residenza fiscale più seria di qualche piccola isola in mezzo all’oceano. L’imposta sul reddito delle persone fisiche di Monaco è ancora allo 0%, mentre le imposte sul reddito delle società sono ora fissate al 25% dall’inizio di gennaio 2022.

Ciò richiede generalmente un deposito bancario di € 500.000 e l’acquisto (o in alcuni casi l’affitto) della proprietà lì.

Dato che spesso i parcheggi possono essere venduti fino a 1 milione di euro, la residenza a Monaco è riservata agli imprenditori e agli investitori più ricchi.

È riservato anche a chi è effettivamente disposto a viverci; devi trascorrere tre mesi all’anno per i primi nove anni, a quel punto puoi ottenere quella che è effettivamente la residenza permanente ma richiede 183 giorni di soggiorno all’anno.

9.Montenegro

Il Montenegro ha basse imposte sulle società ed è uno dei paesi meno costosi in Europa per avviare una società.
Il Montenegro si vanta di avere una delle aliquote fiscali sul reddito personale e societario tra le più basse in Europa, entrambe fissate al 9%.

Come molti dei suoi vicini dei Balcani occidentali, il Montenegro ha cercato di attrarre imprese nel suo piccolo paese – con una popolazione di 620.000 abitanti – abbassando le aliquote fiscali. Mentre quasi tutta l’Europa orientale offre aliquote fiscali piuttosto ragionevoli per gli adolescenti, il Montenegro offre le aliquote fiscali più basse e il vantaggio di un paese in cui potresti voler vivere.

La gente del posto conosce il Montenegro come Crna Gora, che significa “montagna nera”, ma il nome italiano è rimasto e conferisce al paese un’aria sensuale suonando simile a Monaco.

È un posto meraviglioso da visitare durante la stagione estiva, un luogo perfetto per rilassarsi e godersi i tramonti e la cucina mediterranea.

Il governo del Montenegro sembra aver giocato su questa idea, invitando gli investitori esteri a sviluppare resort di lusso sulla sua costa incontaminata nel tentativo di diventare il gioiello del Mare Adriatico.

Il Montenegro consente agli stranieri che acquistano una proprietà residenziale di ottenere una carta di soggiorno temporanea, rinnovabile ogni anno. Se trascorri meno di 183 giorni in Montenegro, generalmente non sarai tassato.

Se vivi in ​​Montenegro per la maggior parte del tempo, diventerai residente fiscale e sarai tenuto a pagare l’aliquota fissa del 9% sul tuo reddito.

Anche se il Montenegro non è un paese a tassazione zero per i residenti a tempo pieno, è una base molto attraente soprattutto per gli europei che cercano una residenza legittima a bassa tassazione per compiacere il proprio governo nazionale.

Ha anche un programma di cittadinanza per investimento se stai cercando di espandere il tuo portafoglio di passaporti e il tuo portafoglio di investimenti.

10. Portogallo

Anche se il Portogallo è un paese ad alta tassazione, gli stranieri possono usufruire di un’esenzione decennale dall’imposta di residenza non abituale che esenta fino al 100% del loro reddito dalle imposte portoghesi.
La maggior parte delle persone non associa il Portogallo a paesi a bassa tassazione. Nella maggior parte dei casi hanno ragione; Il Portogallo non è certo un luogo con un’aliquota fiscale favorevole per il residente medio.

A marzo 2022 il gettito fiscale del paese (% PIL) era pari al 23,4% , rispetto all’ultimo valore della Svizzera pari al 9,2%.

Tuttavia, gli stranieri possono usufruire di un’esenzione decennale dall’imposta sui residenti non abituali che esenta fino al 100% del loro reddito dalle imposte portoghesi.

Anche se questa esenzione non ti consente di vivere in Portogallo esentasse per sempre, è abbastanza lunga da permetterti di richiedere la cittadinanza portoghese se soddisfi i requisiti di soggiorno fisico piuttosto indulgenti.

C’è però un problema: le strutture più ottimizzate dal punto di vista fiscale non potranno beneficiare dell’esenzione fiscale del Portogallo. I redditi provenienti dai paesi fiscali inseriti nella lista nera non sono soggetti a esenzione, il che significa che la tua società offshore nelle Isole Vergini Britanniche o a Hong Kong non funzionerà.

È necessaria una pianificazione fiscale sostanziale per garantire che tutto il tuo reddito passivo e aziendale sia strutturato per eliminare le tasse mentre vivi in ​​Portogallo.

11. Svizzera

La Svizzera è stata uno dei primi paesi a consentire ai contribuenti facoltosi di negoziare con i suoi cantoni un’imposta annuale fissa pari a un massimo dell’11,5%.
Non c’è dubbio che negli ultimi anni la Svizzera sia diventata meno favorevole sia all’immigrazione che al settore bancario. Detto questo, è ancora uno dei paesi più sicuri e rispettati al mondo con una posizione nel cuore dell’Europa.

La residenza svizzera offre un’aria di legittimità che molte altre residenze a bassa tassazione non possono eguagliare. Gli stranieri hanno due opzioni di residenza tra cui scegliere. Il primo è quello di costituire una nuova società in Svizzera e assumere dipendenti locali.

Questa società pagherà l’imposta sul reddito delle società in base al cantone (regione) in cui è costituita e tu, in qualità di gestore, pagherai l’imposta sul reddito svizzera.

Il metodo fiscale più comune e più basso per vivere in Svizzera è il metodo di tassazione Lump Sum, noto anche come “tassazione in base alle spese”.

Con questo metodo, una famiglia può trasferirsi in Svizzera e pagare un’imposta annuale fissa basata sul costo della vita piuttosto che sul reddito effettivo.

In generale, aspettati di pagare almeno $ 150.000 e fino a $ 1 milione di flat tax ogni anno, a seconda del cantone in cui desideri vivere.

Inoltre non potrai risiedere legalmente a Zurigo. Se il tuo reddito supera 1 milione di dollari ogni anno, mantenere la tua casa e residenza fiscale in Svizzera ti garantirà un’aliquota fiscale moderata. Se il tuo reddito è milionario, la Svizzera potrebbe ridurre la tua aliquota fiscale al di sotto del 10%.

Sebbene la Svizzera non sia certo un posto economico in cui vivere, ha uno degli standard di vita più alti al mondo, con un’aliquota fiscale massima dell’11,5%.

12. Il Regno Unito

Il Regno Unito è ben lungi dall’essere un paradiso fiscale, ma esistono alcune esenzioni dalla regola per quanto riguarda le aliquote fiscali, di cui puoi trarre vantaggio se sei un ricco imprenditore.
Come il Portogallo, il Regno Unito non è esattamente un paradiso in termini di paesi a bassa tassazione per tutti, ma lo è per un gruppo selezionato di individui facoltosi.

Sfruttando la differenza tra domicilio e residenza, alcuni cittadini stranieri possono vivere a Londra e pagare una flat tax annuale. Questo sistema “non-dom” è stato reso popolare grazie ai miliardari mediorientali e russi che si sono stabiliti nel Regno Unito ma affermano di non gestire le loro attività da Kensington.

Poiché il loro reddito è una fonte estera, può essere tassato sulla base delle rimesse; mantenere il reddito fuori dal Regno Unito e non è tassato.

Ottenere la residenza in Gran Bretagna richiede un investimento sostanziale, ma per la persona giusta i benefici fiscali superano i costi iniziali.

La richiesta di benefici fiscali non dom può essere gratuita per un massimo di sei anni, dopodiché l’addebito sulla base della rimessa varia da £ 30.000 a £ 90.000, a seconda di quanto tempo sei residente .

La residenza fiscale nel Regno Unito è un argomento molto complicato e vale sempre la pena discuterne a lungo con un professionista fiscale prima di richiedere qualsiasi beneficio, in particolare perché alcuni benefici non-dom devono essere richiesti in anticipo.

Paesi con le tasse più basse in Europa – Domande frequenti

Quale Paese ha le aliquote fiscali più basse in Europa?

L’imposta sul reddito è fissata all’1% per le persone con un reddito annuo fino a 500.000 Lari georgiani (GEL), ovvero circa ($ 194.000 USA) con imposta sul reddito personale dello 0% sui redditi di origine estera.

Quale paese dell’UE ha la tassa più alta?

L’aliquota fiscale finlandese sul reddito, pari al 56,95%, è la più alta dell’UE. Altri paesi ad alta tassazione includono Danimarca, Austria e Francia.

Dov’è un paese esentasse in Europa?

Andorra ha un’aliquota fiscale dello 0% sul reddito personale e ha un’aliquota massima del 10% che entra in vigore a livello di 40.000 euro.

La Redazione di Economia Italia è formato da professionisti dell'economia e della finanza con la passione della divulgazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.