Tasse in Arabia Saudita ed Emirati: arriva l’IVA al 5%

Gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita, dove da tempo i residenti godevano di un’esistenza esentasse e fortemente sovvenzionata, hanno introdotto l’IVA sul valore aggiunto suggerita dal Fondo Monetario Internazionale dal 1 ° gennaio, a seguito di una crisi petrolifera. Un prelievo del 5% è imposto sulla maggior parte dei beni e servizi per aumentare le entrate, dal momento che il crollo dei prezzi del greggio dal 2014 ha provocato tagli.
Anche se minaccia di rallentare la crescita economica in un momento in cui è già stagnante, si prevede che gli Emirati Arabi Uniti aumenteranno di circa 3,3 miliardi di dollari dalla tassa. Nel frattempo, l’Arabia Saudita, che ha svelato il budget più grande della sua storia, prevede di spendere 261 miliardi di dollari in questo anno fiscale, poiché il governo prevede un aumento delle entrate dall’introduzione dell’IVA. Come parte degli sforzi di diversificazione economica, il regno sta ampliando la sua base di investimenti e aumentando le altre entrate non petrolifere.

La rivoluzione progressista ed economica dell’Arabia Saudita

L’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio del mondo e la più grande economia nella regione araba, ha congelato importanti progetti edilizi, ridotto i salari dei ministri e imposto un congelamento dei salari ai dipendenti pubblici per far fronte al deficit di bilancio del 2016 di $ 97 miliardi. Ha inoltre effettuato tagli senza precedenti ai sussidi per i combustibili e le utilities. Ha l’obiettivo di bilanciare il proprio bilancio entro il 2020.

Il Fondo monetario internazionale ha raccomandato ai paesi esportatori di petrolio del Golfo di introdurre imposte come un modo per aumentare le entrate non petrolifere. L’FMI ​​raccomanda inoltre ai paesi del Golfo di introdurre o espandere le tasse sui profitti delle imprese.

Tasse in Arabia Saudita ed Emirati: arriva l’IVA al 5%

Il direttore del Medio Oriente dell’IMF, Jihad Azour, ha affermato che l’IVA fa parte di una riforma fiscale a lungo termine per aiutare gli Stati del Golfo a ridurre la loro dipendenza dalle entrate petrolifere. “Riteniamo che l’IVA sia una componente importante dei piani di adeguamento fiscale e di diversificazione delle entrate dei paesi del GCC e queste misure sono necessarie per la sostenibilità fiscale a lungo termine”, ha affermato. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti la scorsa estate hanno imposto una tassa del 100% sui prodotti del tabacco e le bevande energetiche e una tassa del 50% sulle bevande analcoliche.

Tasse in Arabia Saudita ed Emirati: arriva l'IVA al 5%
Gli amanti dello shopping sfogliano gioielli in oro nel Dubai Gold Souk. (Credito fotografico Bloomberg)

 

L’IVA si applicherà a una serie di articoli come cibo, vestiti, elettronica e benzina, così come bollette telefoniche, acqua ed elettricità, e prenotazioni alberghiere, riporta The Khaleej Times. Oltre all’affitto domestico, i trasporti (inclusi i viaggi aerei), l’assistenza sanitaria e la scuola saranno esclusi dall’IVA. Gli acquirenti di proprietà non dovranno preoccuparsi di IVA sul loro acquisto a casa pure. Anche con un aumento del 5% dei prezzi, l’aliquota fiscale è ancora significativamente inferiore all’aliquota IVA media del 20% in alcuni paesi europei.

Il costo della vita negli Emirati Arabi Uniti dovrebbe aumentare di circa l’1,5% quest’anno a causa dell’IVA, secondo The National. Ad oggi, Dubai e Abu Dhabi sono le città più costose da vivere nel mondo arabo, secondo il sondaggio Cost of Living Survey 2017 di Mercer

Le tasse stanno arrivando anche negli Emirati Arabi, dove finora non esistevano

Altri paesi del Golfo avevano l’intenzione di introdurre l’IVA simultaneamente a gennaio, ma sono molto ancora in fase di preparazione, secondo la Reuters.

Il Kuwait, in particolare, potrebbe subire ritardi a causa del suo lento servizio civile e perché il suo parlamento relativamente indipendente potrebbe volere una parola nel processo.

I funzionari dell’Oman non hanno annunciato una data fissa per l’IVA, mentre i funzionari del Bahrain hanno detto che è previsto per la metà del 2018.

LEGGI ANCHE: Paradisi fiscali nel mondo

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *