Gli ultimi Paradisi Fiscali ancora disponibili nel mondo 2023

Un paradiso fiscale, o “centro finanziario offshore”, è un paese (o stato) in cui gli investitori stranieri pagano le tasse a un’aliquota anormalmente bassa, forse anche zero. Spostando i propri fondi in o attraverso i paradisi fiscali, le imprese e altri investitori possono evitare di pagare le tasse nei paesi ad alta tassazione . 

La residenza o la presenza commerciale in genere non è richiesta per beneficiare delle politiche di un paradiso fiscale (sebbene possa essere in paesi esenti da imposte) . Inoltre, i paradisi fiscali condividono poco o nessuna delle informazioni finanziarie dei loro investitori con le autorità fiscali estere.

Queste politiche attirano una generosa quantità di afflusso di capitali per i paradisi fiscali, che possono imporre commissioni, oneri o una tassa minima sugli investimenti esteri al fine di generare entrate pubbliche. Questo afflusso di fondi, che è sostanziale anche con le aliquote fiscali basse o zero del paradiso, facilita la crescita economica nel paese del paradiso fiscale.

I primi 10 paesi paradisi fiscali nel mondo – Tax Justice Network (valore CTHI):

  1. Isole Vergini britanniche – 2.853
  2. Isole Cayman – 2.653
  3. Bermuda — 2.508
  4. Paesi Bassi — 2.454
  5. Svizzera — 2.261
  6. Lussemburgo — 1.814
  7. Hong Kong — 1.805
  8. Maglia — 1.724
  9. Singapore — 1.714
  10. Emirati Arabi Uniti — 1.664

Questioni legali con i paradisi fiscali

I paradisi fiscali esistono in un’area grigia giuridica in quanto molte delle attività ad essi associate sono legali, ma molte no. Ad esempio, l’utilizzo di un paradiso fiscale per immagazzinare i fondi guadagnati all’estero, evitando così di pagare tasse più elevate nel proprio paese di origine, è legale. Così è incanalare gli investimenti in un trust o in una società attraverso un paradiso fiscale. D’altra parte, l’uso di un paradiso fiscale per nascondere completamente i guadagni o per riciclare denaro guadagnato con mezzi illegali non è legale.

Sebbene la definizione di ciò che conta esattamente come paradiso fiscale differisca da fonte a fonte, i paradisi fiscali moderni in genere aderiscono alle linee guida stabilite da organismi di regolamentazione come l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e l’Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti. I moderni paradisi fiscali delle società hanno alti livelli di conformità OCSE e stabiliscono trattati fiscali bilaterali, che sono accordi legali tra due paesi che riducono l’aliquota fiscale per le imprese situate in un paese ma che guadagnano denaro in un altro. Molti paradisi fiscali hanno la capacità di abilitare legalmente trattati fiscali vicini allo zero utilizzando strumenti di erosione della base e trasferimento degli utili (BEPS).

paradisi fiscali nel mondo
paradisi fiscali nel mondo

I paradisi fiscali più famosi del mondo

Isole Vergini Britanniche

Considerato da molti il ​​principale paradiso fiscale del mondo, l’economia di questa colonia britannica detiene oltre 5.000 volte il suo valore in investimenti esteri. I funzionari locali affermano che il paese non è un paradiso fiscale, ma questa argomentazione è minata dal fatto che le BVI hanno solo 36.000 residenti, ma è la sede quotata di oltre 400.000 società e detiene circa $ 1,5 trilioni (USD) di asset.

Lussemburgo

Uno dei paesi più ricchi del mondo, il Lussemburgo è anche uno dei principali paradisi fiscali del mondo. Secondo un rapporto di Citizens for Tax Justice e US PIRG Education Fund, circa il 30% delle società Fortune 500 statunitensi ha filiali in Lussemburgo. Ad esempio, il rivenditore web Amazon.com incanala tutte le sue vendite in Europa attraverso la sua sede europea ufficiale in Lussemburgo.

Isole Cayman

Le Isole Cayman detenevano di recente attività bancarie pari a un quindicesimo dei 30 trilioni di dollari del mondo di attività bancarie totali. Oltre a non avere alcuna imposta sulle società, le Isole Cayman non impongono tasse dirette ai residenti, comprese le tasse sulla proprietà, sul reddito e sui salari. Le Cayman sono particolarmente apprezzate dai gestori di hedge fund perché le aliquote dell’imposta sulle società e sul reddito sono dello 0%, anche sugli interessi o sui dividendi guadagnati su un investimento. Le Cayman ospitano filiali di società Fortune 500 come Pepsi, Marriott e Wells Fargo.

Bermuda

La maggior parte dei consumatori conosce questo territorio insulare del Regno Unito per le sue spiagge turistiche, ma quelli del settore finanziario potrebbero anche conoscerlo come un paradiso fiscale notoriamente popolare. Il prodotto interno lordo (PIL) pro capite delle Bermuda è anormalmente alto grazie alla mancanza di tasse sul reddito delle società, interessi, dividendi e royalties. Queste aliquote fiscali hanno indotto società come Google e Nike a parcheggiare miliardi di dollari in conti alle Bermuda, evitando così le tasse statunitensi.

Olanda

L’ex ministro delle finanze dei Paesi Bassi, Jan Kees de Jager, ha affermato che i sistemi finanziari del paese sono molto meno sfruttabili di quelli della Svizzera o delle Isole Cayman. Tuttavia, è probabile che Google, Fiat Chrysler, IBM e le molte aziende Fortune-500 che abbassano le tasse incanalando i loro profitti attraverso filiali olandesi la pensino diversamente.

Svizzera

La Svizzera è nota in tutto il mondo per la segretezza del suo settore bancario, che conserva i dettagli dei conti finanziari e delle operazioni dei suoi clienti in assoluta riservatezza. Questa affidabilità rende facile sia per gli individui che per le aziende nascondere la ricchezza con grande efficacia. Inoltre, sebbene alcune delle leggi svizzere in materia di segretezza siano state rimosse, le aliquote fiscali del paese rimangono abbastanza favorevoli.

stati Uniti

Sebbene non siano un paradiso fiscale allo stesso livello degli altri paesi elencati, gli Stati Uniti offrono uno scenario fiscale unico grazie al fatto che ogni stato stabilisce le proprie aliquote di imposta sul reddito. In quanto tali, stati senza imposta sul reddito, come Alaska , Florida , Nevada , South Dakota , Tennessee , Texas , Washington e Wyoming , possono essere spesso utilizzati come paradisi fiscali dai paesi che desiderano ridurre al minimo il proprio carico fiscale.

RISORSE UTILI:

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.