Leggi sulle Armi nel Mondo e in Italia

Le nuove leggi in Italia sulle armi in casa cambiano di pochissimo rispetto a prima, sostanzialmente l’Italia ha una legislazione molto rigida in fatto di armi, nonostante il dibattito politico faccia percepire altro. Il dibattito sul controllo delle armi negli Stati Uniti invece, è cresciuto e si è indebolito nel corso degli anni, risvegliato da una serie di omicidi di massa da parte di uomini armati in ambienti civili. In particolare, l’uccisione di venti scolari a Newtown, nel Connecticut, nel 2012 ha portato a una nuova discussione nazionale sulle leggi sulla pistola. Tuttavia, una legislazione che avrebbe vietato le armi d’assalto semiautomatiche è stata sconfitta al Senato nonostante l’ampio sostegno pubblico. Nel 2017, le sparatorie di massa in un festival musicale a Las Vegas e in una chiesa vicino a San Antonio hanno riacceso il dibattito sul controllo delle armi e invocato confronti tra le politiche statunitensi sulle armi e quelle di altre democrazie ricche.
Di seguito, 2 grafici che fanno capire la gravità della questione armi negli Stati Uniti, dove risulta che quasi il 100% della popolazione ha un’arma.

Ovviamente ci sono persone che ne hanno tante ed alcuni che non ne hanno nessuna, cosa molto variabile specialmente da Stato a Stato, ma quello che più colpisce è la spaventosa incidenza degli omicidi commessi con armi da fuoco sul totale, un totale già altissimo di suo se si pensa che in Italia il numero dei morti ammazzati in 1 anno è più o meno come quelli della sola città di Chicago. Si pensi che negli Stati Uniti c’è una media di 15 mila omicidi all’anno, cioè un numero 15 volte superiore a quello dell’Italia. Se si considera il numero degli abitanti rimangono 3 volte il numero degli omicidi iin Italia. come se da Noi venissero uccise 3000 persone all’anno invece che 1000Leggi sulle Armi nel Mondo e in Italia

Leggi sulle Armi in Italia e nel mondo

Leggi sulle Armi nel Mondo e in Italia

Stati Uniti

La proprietà delle armi negli Stati Uniti è radicata nel secondo emendamento della Costituzione: “Una milizia ben regolamentata, essendo necessaria per la sicurezza di uno Stato libero, il diritto della gente di mantenere e portare armi, non deve essere violata”.

Tuttavia, il diritto non è illimitato. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato alcune restrizioni alle armi da fuoco, come il divieto di armi nascoste e il possesso di alcuni tipi di armi , nonché i divieti di vendita di armi a determinate categorie di persone. Il Gun Control Act del 1968 proibisce alle persone di età inferiore ai diciotto anni, criminali condannati, disabili mentali, personale militare disonorato e altri dall’acquisto di armi da fuoco. Nel 1993, la Brady Handgun Violence Prevention Act richiedeva controlli di background per tutte le persone non autorizzate che acquistavano armi da un rivenditore autorizzato a livello federale.

Allo stesso tempo, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha revocato alcune leggi sulle armi. Nel 2008, la corte ha abbattuto una legge di Washington, DC, che ha vietato pistole .

 

La legge federale fornisce le basi per la regolamentazione delle armi da fuoco negli Stati Uniti, ma gli stati e le città possono imporre ulteriori restrizioni. Alcuni stati, come l’Idaho, l’Alaska e il Kansas, hanno approvato varie leggi che tentano di annullare la legislazione federale sulle armi , ma gli analisti legali affermano che sono incostituzionali.

Nel gennaio 2016, il presidente Barack Obama ha intrapreso diverse azioni volte a ridurre la violenza armata, tra cui un provvedimento che richiede ai concessionari di armi da fuoco in occasione di spettacoli di pistola o online per ottenere licenze federali e condurre controlli di background.

A partire dal 2017, non esistevano leggi federali che vietassero le armi d’assalto semiautomatiche, i fucili calibro .50 in stile militare, le pistole o le riviste di grande capacità. C’era un divieto federale sulle armi d’assalto e sulle riviste di grande capacità tra il 1994 e il 2004, ma il Congresso ha permesso la scadenza di queste restrizioni. Nei giorni successivi alla sparatoria di massa a Las Vegas, in ottobre, alcuni legislatori hanno espresso un sostegno provvisorio per un divieto federale di cosiddette scorte d’urto, dispositivi che consentono alle pistole semiautomatiche di sparare ad un ritmo che si avvicina a quello delle armi automatiche.

Gli Stati Uniti, con meno del 5% della popolazione mondiale, detengono circa il 35-50% delle armi di proprietà civile di tutto il mondo , secondo un rapporto della Small Arms Survey, con sede in Svizzera. È al primo posto tra le armi da fuoco pro capite. Gli Stati Uniti hanno anche il più alto tasso di omicidi per arma da fuoco tra le nazioni più sviluppate del mondo. Ma molti sostenitori dei diritti delle armi dicono che queste statistiche non indicano una relazione causale e notano che ili tassi di omicidio di armi da fuoco e altri crimini di pistola negli Stati Uniti sono diminuiti dai massimi nei primi anni ’90.

Canada

Come negli Stati Uniti, il governo nazionale canadese stabilisce restrizioni alle armi che le province, i territori e i comuni possono integrare. E come il suo vicino meridionale, le leggi canadesi sulle armi da fuoco sono state spesso guidate dalla violenza armata. Nel 1989, uno studente armato con un fucile semiautomatico ha ucciso quattordici studenti e ferito più di una dozzina di altri in una scuola di ingegneria di Montreal . L’incidente è largamente accreditato nel guidare importanti riforme delle armi da fuoco che hanno imposto un periodo di attesa di ventotto giorni per gli acquisti; corsi obbligatori di formazione sulla sicurezza; controlli di sfondo più dettagliati; divieti su riviste di grande capacità; e divieti o maggiori restrizioni su armi da fuoco e munizioni di tipo militare.

Le armi da fuoco in Canada sono divise in tre classi: armi non limitate, come fucili e fucili da caccia ordinari; limitato, come pistole e fucili / fucili semiautomatici; e proibito, come le armi automatiche. È illegale possedere un’arma completamente automatica a meno che non sia stata registrata prima del 1978.

Le modifiche alla legge del 1995 richiesero alle persone di ottenere una licenza per acquistare armi e munizioni, oltre a registrare tutte le armi da fuoco. Tuttavia, nel 2012, l’obbligo di registrare pistole senza restrizioni è stato eliminato e i relativi documenti pubblici sono stati cancellati.

Australia

Il punto di inflessione per il moderno controllo delle armi in Australia fu il massacro di Port Arthur del 1996, quando un giovane uccise trentacinque persone e ne ferì altre due dozzine. La furia, perpetrata con un fucile semiautomatico, fu la peggiore sparatoria di massa nella storia della nazione. Meno di due settimane dopo, il governo nazionale guidato dai conservatori ha spinto attraverso cambiamenti fondamentali alle leggi sulle armi del paese in cooperazione con i vari stati e territori, che regolano le armi da fuoco.

L’Accordo Nazionale sulle Armi da fuoco proibiva quasi tutti i fucili d’assalto automatici e semiautomatici, richiedeva licenze e registrazioni e istituiva un programma temporaneo di riacquisto di armi che impiegava circa 650.000 armi d’assalto (circa un sesto delle scorte nazionali) fuori dalla circolazione pubblica. Tra le altre cose, la legge richiedeva anche ai licenziatari di dimostrare un “genuino bisogno” per un particolare tipo di pistola e di seguire un corso sulla sicurezza delle armi da fuoco. Dopo un’altra sparatoria di alto profilo a Melbourne nel 2002, anche le leggi australiane sulle pistole sono state rafforzate. Molti analisti dicono che queste misure sono state molto efficaci, citando il declino dei tassi di mortalità delle armi da fuoco e l’assenza di uccisioni di massa relative alle armi in Australia dal 1996.

Israele

Il servizio militare è obbligatorio in Israele e le armi da fuoco fanno parte della vita quotidiana. Gran parte della popolazione ha accesso indiretto a un’arma d’assalto sia da soldato che da riservista o parente di uno. Per legge, la maggior parte dei diciotto – anni sono redatti, psicologicamente proiettati, e fornito almeno un po ‘di formazione armi dopo il liceo. Tuttavia, dopo aver scontato in genere due o tre anni nelle forze armate, la maggior parte degli israeliani è congedata e soggetta alle leggi sulle armi civili.

Il paese ha regolamenti sulle armi relativamente rigidi, tra cui un divieto di armi d’assalto e l’obbligo di registrare la proprietà con il governo. Per ottenere la licenza, il richiedente deve essere un cittadino israeliano o un residente permanente, avere almeno ventun anni e parlare almeno un po ‘di ebraico, tra le altre qualifiche. I candidati devono anche dimostrare la vera causa di portare un’arma da fuoco, come l’autodifesa o la caccia.

Regno Unito

I moderni sforzi di controllo delle armi nel Regno Unito sono stati accelerati da atti di violenza straordinari che hanno scatenato l’indignazione pubblica e, infine, l’azione politica. Nel 1987, un solitario pistolero armato di due fucili semiautomatici e una pistola sparò per una sparatoria di sei ore a circa settanta chilometri a ovest di Londra, uccidendo più di una dozzina di persone e poi se stesso. Sulla scia dell’incidente, noto come il massacro di Hungerford , la Gran Bretagna ha introdotto il (Amendment) Act armi da fuoco, che ha ampliato l’elenco delle armi proibite, tra cui alcuni fucili semiautomatici, e un aumento dei requisiti di registrazione per altre armi.

Una tragedia legata alla pistola nella città scozzese di Dunblane nel 1996 ha spinto ancora le più severe leggi di cannone della Gran Bretagna. Un uomo armato di quattro pistole ha sparato e ucciso sedici bambini in età scolare e un adulto prima di suicidarsi nelle peggiori sparatorie di massa del paese fino ad oggi. L’incidente ha scatenato una campagna pubblica conosciuta come la Petizione di bucaneve, che ha aiutato a guidare la legislazione che vieta pistole, con poche eccezioni. Il governo istituì anche un programma temporaneo di riacquisto di armi da fuoco , che molti accreditavano con l’eliminazione di decine di migliaia di armi illegali o indesiderate.

Norvegia

Il controllo delle armi era stato raramente un problema politico in Norvegia – dove le leggi sulle armi sono considerate difficili, ma i tassi di proprietà sono alti – fino a quando l’estremista di destra Anders Behring Breivik ha ucciso settantasette persone negli attacchi ad Oslo e in un campo estivo dell’isola nel 2011. Sebbene la Norvegia sia al decimo posto nel mondo nella detenzione di armi da fuoco, secondo l’indagine sulle armi di piccolo calibro, si è posizionata vicino al fondo dei tassi di omicidio delle armi. (Il tasso degli Stati Uniti è circa sessantaquattro volte superiore.) La maggior parte della polizia norvegese, come gli inglesi, non porta armi da fuoco.

Sulla scia della tragedia, alcuni analisti negli Stati Uniti citarono la furia di Breivik come prova del fatto che le rigide leggi sulle armi – che in Norvegia prevedono che i richiedenti abbiano almeno diciotto anni – specificano un “valido motivo” per la detenzione di armi, e ottengono una licenza governativa-sono inefficaci. “Coloro che sono disposti a infrangere le leggi contro l’omicidio non si preoccupano della regolamentazione delle armi da fuoco , e otterranno armi se ciò sia legale o meno”, ha scritto Charles CW Cooke in National Review . Altri critici del controllo delle armi hanno sostenuto che altri norvegesi, tra cui la polizia, erano armati, Breivik avrebbe potuto essere fermato prima e ucciso un minor numero di vittime . Dopo il massacro, ala commissione indipendente ha raccomandato di stringere le restrizioni norvegesi per le armi in diversi modi, tra cui il divieto di pistole e armi semiautomatiche, ma non sono state apportate modifiche.

Giappone

I sostenitori del controllo delle armi citano regolarmente le norme altamente restrittive delle armi da fuoco del Giappone in tandem con il suo tasso di omicidi di pistola straordinariamente basso , che è il più basso del mondo a uno su dieci milioni, secondo gli ultimi dati disponibili. La maggior parte delle armi da fuoco sono illegali nel paese e i tassi di proprietà, che sono piuttosto bassi, riflettono questo.

Secondo la legge giapponese sulle armi e le armi [PDF], le uniche pistole ammesse sono fucili a pompa, pistole ad aria compressa, pistole con scopi specifici di ricerca o industriali, o quelle usate per le competizioni. Tuttavia, prima che venga concesso l’accesso a queste armi speciali, è necessario ottenere istruzioni formali e superare una batteria di test scritti, mentali e antidroga e un rigoroso controllo in background. Inoltre, i proprietari devono informare le autorità di come sono immagazzinate le loro armi e munizioni e fornire le loro armi da fuoco per un’ispezione annuale.

Alcuni analisti collegano l’avversione del Giappone alle armi con la sua smilitarizzazione all’indomani della seconda guerra mondiale. Altri dicono che, poiché il tasso di criminalità complessivo nel paese è così basso, la maggior parte dei giapponesi non vede la necessità di armi da fuoco.

LEGGI ANCHE >>> — Cassaforte costo  –  Impianto antifurto  – Come difendersi da malintenzionati  – Katana la spada dei samurai – Cosa fare in caso di attacco terroristico –

Ragioniere, pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *