Bonus mobili raddoppiato per le giovani coppie

Buone notizie per le famiglie: raddoppia il bonus mobili per le giovani coppie con la previsione di un raddoppio del massimo importo agevolabile che passa da 8 mila a 16 mila euro.
Una bella notizia per quelle famiglie che hanno deciso di cambiare i mobili all’interno della propria abitazione, come vedrete, il Bonus non é per tutti, ma si tratta comunque di un’agevolazione fiscale che potrebbe fare molto comodo.

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione Irpef apri al 50 % riconosciuta alle giovani coppie, di cui almeno uno dei due coniugi con meno di 35 anni di età, che sono anche proprietarie di casa (pertanto nulla verrà riconosciuto per chi è in affitto).

Una proposta effettuata sempre da esponenti del PD ha avanzato una proposta che estendeva il bonus mobili anche alle giovani coppie che si trovano in affitto. Approvato anche l’emendamento all’articolo 9 (misure razionalizzazione alle imprese) con il quale si prevede che in caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, del corrispettivo dell’operazione che è stata effettuata, il cedente o il prestatore ha la possibilità di emettere una nota di variazione in diminuzione a partire dalla data nella quale il cessionario o il committente è assoggettato a procedura concorsuale.

Bonus mobili raddoppiato per le giovani coppie
ART BONUS, come pagare Meno Tasse con la cultura Come avere il Bonus Fiscale per Famiglie
Come pagare meno Tasse sulla Prima Casa Paghiamo meno tasse sulla 2a casa


Giovani coppie: raddoppia il Bonus Mobili fino a 16 mila euro:

La novità riguarderebbe in ogni caso le operazioni che sono effettuate a partire da Gennaio 2017, e con tale modifica si allinea l’effetto di cassa a quanto previsto in relazione tecnica dove si faceva riferimento alla decorrenza della procedura concorsuale a partire dal primo gennaio 2017. ( e non si considerano pertanto le operazioni effettuate dal primo gennaio 2017).

Patent Box sgravi Fiscali

In relazione alla discussione effettuata in Commissione Finanze del Senato sono stati dichiarati inammissibili circa 500 emendamenti, e le proposte di modifica bocciate per estraneità di materia o carenza di copertura sono state 186 che occorre aggiungere alle precedenti 319 ( tra gli emendamenti bocciati occorre segnalare anche la proposta Pd di rendere strutturale la cedolare secca al 10 % sugli affitti a canone concordato a partire dal 2018). Infine, a seguito di un incontro tra governo e maggioranza sulla legge di stabilità, è stato confermato che la legge dovrebbe essere varata, come previsto, entro la data del 20 Novembre.

ITC, Operatore Turistico, SMM, pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *