Tasse sulla casa, scadenza e pagamenti 2017

Di seguito scadenze, anticipi, agevolazioni riguardanti le tasse sulla casa 2017, dalla TARI all’ICI, IMU, IUC.
Iniziato il 2017 ognuno di noi è alle prese con la nuova agenda dove incasellare tutte le scadenze e gli impegni a partire dalle tasse sulla casa. Andiamo a vedere lescadenze e i pagamenti per il nuovo anno.

Tassazione sulla casa

I contribuenti devono fare i conti con la IUC che è costituita da IMU, TASI e TARI. Si tratta di 3 differenti imposte con relative scadenze. La IUC è l’imposta municipale applicata sulla prima abitazione di lusso, altri immobili dalla seconda abitazione ai negozi e i capannoni.
La TASI è il tributo sui costi indivisibili dei comuni a carico dei proprietari di prima casa di lusso, seconda casa e altri immobili. L’esenzione TASI per affittuari, che locano un immobile come abitazione principale, è in quota percentuale che varia tra il 30 e il 10% in base al Comune.
La TARI, la tassa suirifiuti, è suddivisa in 4 rate annuali.

Tasse sulla casa, scadenza e pagamenti 2017
 Tasse di successione sulla casa  Tasse sulla casa all’estero  Affitto breve 2017
 Tassa accettazione di eredità di casa  Saldo IMU  Agevolazioni 1a casa
 Quando si può accendere il riscaldamento di casa  Bonus Mobili  Pagare meno tasse sulla 2a casa

IMU

Si tratta dell’imposta municipale propria.
I proprietari di immobili sono tenuti al pagamento dell’IMU sulla prima casa se appartiene alla categoria catastale A/1, A/8 e A/9 e sulle altre tipologie di immobili come quelli strumentali, aree fabbricabili e terreni agricoli, seconde case. I soggetti passivi dell’imposta sono: proprietario dell’immobile; usufruttuario; titolare del diritto d’uso, di abitazione, di enfiteusi e di superficie; locatario di bene in leasing; concessionario di beni demaniali.
In presenza di locazione finanziaria ai fini IMU, l’art. 9, Decreto Legislativo n. 23/2011, richiamato dal Decreto Legge n. 201/2011, ha chiarito che il soggetto passivo IMU è il locatario. Lo stesso dicasi per gli immobili da costruire e quelli costruiti e decorre dalla data di stipula del contratto e per tutta la durata dello stesso.

Le aliquote IMU

Vengono fissate da ciascun Comune sulla base di un’aliquota principale prima casa di lusso del 4 per mille incrementabile sino al 6 per mille o diminuibile fino al 2 per mille.
La detrazione IMUabitazione principale di categoria catastale A/1, A/8 e A/9 ammonta a 200 euro che i Comuni possono incrementare sino cancellare l’imposta dovuta dai contribuenti. Per gli immobili locati c’è la possibilità dei Comuni di decrementare l’aliquota IMU sino al 4 per mille.
Per le altre tipologie di immobili l’aliquota IMU base è del 7,6 per mille con la facoltà del Comune di modificarla da un minimo del 4,6 per mille ad un massimo del 10,6 per mille. La somma tra IMU e TASI non può superare in ogni caso l’11,4 per mille cioè il 10,6 per mille più 0,8% di maggiorazione.
Per determinare la base imponibile IMU bisogna partire dalla rendita catastaledell’immobile rivalutata del 5% e moltiplicata per il relativo coefficiente che differisce in base alla categoria dell’immobile: 160 per abitazioni, magazzini, autorimesse; 140 per laboratori e locali senza fine di lucro; 80 per uffici, banche, assicurazioni; 65 per opifici, alberghi; 55 per negozi e botteghe.
La base imponibile IMU si riduce della metà per fabbricati di interesse storico o artistico o per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati.

Esenzioni e detrazioni IMU

Sono esenti IMU(equiparati alla prima casa) le abitazioni di proprietà delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e pertinenze dei soci assegnatari; gli alloggi sociali, la casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di separazione legale, annullamento, scioglimento, o cessazione degli effetti civili del matrimonio; l’unico immobile iscritto o iscrivibile al catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente presso le Forze Armate, le Forze di Polizia ad ordinamento militare e civile, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; i fabbricati rurali ad uso strumentale e i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita ma non locati.
Ogni Comune può stabilire a sua discrezione esenzioni IMU specifiche per l’immobile posseduto a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che hanno la residenza presso ospedali, case di cura o ricovero permanente, a patto che l’abitazione non risulti affittata; per la casa concessa in comodato d’uso ai parenti in linea retta, entro il primo grado, che usano l’immobile come prima casa ma purché non abbiano un ISEE non superiore a 15 mila euro all’anno.

IMU scadenze

  • La prima rata in acconto IMU o in un’unica soluzione va pagata il 16 giugno 2017. 
  • Seconda rata saldo e conguaglio IMU 16 dicembre 2017, salvo diverse successive disposizioni. 
  • Il versamento dell’acconto e saldo IMU può essere eseguito mediante modello F24 ordinario, F24 editabile o F24 semplificato IMU e indicando i codici tributo IMU. 
  • E’ possibile pagare l’imposta municipale propria mediante bollettini precompilati dal Comune per semplificare la vita del contribuente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *