Come il Virus Ebola verrà diffuso in Europa dall’Isis

L’Isis sta cercando di organizzarsi per diffondere il virus dell’Ebola in Italia e negli altri stati occidentali che hanno formato una coalizione che sta combattendo in vario modo ( direttamente o offrendo supporto logistico o di armi ) contro di Loro.

Lo riporta stamattina ANSA, “Affiliati dello Stato islamico discutono online sull’ipotesi, per i miliziani e i ‘lupi solitari’, di diffondere il virus ebola in Usa e nelle altre nazioni coinvolte nella Coalizione anti-Isis. Lo riferisce l’autorevole Site, il sito di monitoraggio dell’integralismo islamico sul web, che riferisce anche che il sito dell’Isis lancia l’ipotesi di attacchi batteriologici al virus Ebola contro i Paesi della coalizione. “.

Virus Ebola diffuso a casa Nostra dall'Isis
Dove avvengono i bombardamenti

Certamente l’Isis non manderà clandestini per poter diffondere il virus, ci vuole troppo tempo, l’incubazione non è lunga e sarebbe troppo pericoloso anche per Loro, si potrebbero infettare anche le zone controllate dallo Stato Islamico stesso.

  • Il metodo migliore e più sicuro per i terrorirsti sarebbe quello di trovare dei volontari che si facciano iniettare il virus e con un normale passaporto, spedirli come turisti in Europa o in Italia.
  • La cosa , una volta avuto in mano il virus sarebbe relativamente facile: di volontari suicidi che si fanno esplodere e che sperano di ritrovarsi in paradiso con 7 vergini ciascuno, dei coxoni così,  ne trovano quanto in Italia si trovano concorrenti per il Grande Fratello, e trovarne alcuni che si facciano iniettare il virus dell’Ebola poco prima di salire in aereo – in modo da non poter essere notati che stanno  male –  non sarà troppo complicato.

L’Isis continua con i video:

  • Un ostaggio in mano allo Stato Islamico ha fatto un appello, dicendo che gli ostaggi americani ed inglesi vengono decapitati perchè questi Stati non trattano coi terroristi, mentre ostaggi di altre nazioni europee non vengono uccisi perchè questi Stati trattano con i terroristi ( come è accaduto recentemente per l’Italia con un cittadino italo-svizzero, per cui l’Italia ha pagato milioni di dollari allo Stato Islamico per riaverlo)

La Francia inizia i bombardamenti:

  • Intanto Hollande ha detto che inizierà a bombardare pure Lui le postazioni dello Stato Islamico. 

Il Virus dell’Ebola intanto, continua a diffondersi:

  • Circa 2630 le vittime riportate nell’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che riferisce anche un aumento dei contagiati, saliti a 5357, senza nessun segnale di diminuzione. Ogni giorno si ammalano più di 20 persone

3 commenti

  1. Occhio per occhio…
    Anticipiamoli infettando il loro territorio con un virus altrettanto letale, magari con l'ebola stesso.
    Non si dice ancora che la miglior difesa sia l'attacco?
    Dimostriamoglielo!

    1. Non mi sembra una buona idea.
      Va detto che secondo alcuni esperti di bioterrorismo ilvirus dell'ebola non sarebbe troppo stabile da poter essere usato come arma.
      Va inoltre aggiunto che l'Ebola finora non ha cure, quindi se cerchi di infettare un'intera nazione è praticamente certo che con il tempo infetterai quelle vicine, poi le altre, fino a rischiare di ritrovartelo in casa.

    2. È vero, purtroppo!
      Il mio commento aveva solo lo scopo di esternare un mio forte senso di "rabbia" e di "impotenza" nei confronti di tutte queste continue e rinnovate forme di terrorismo!
      Non è possibile che il mondo intero resti alla mercé di questi moderni, ma incivili, terroristi.
      Sicuramente il discorso potrebbe avere risvolti ed interpretazioni multiple, tipo…ma chi sono i veri terroristi?
      Per adesso, però, sono decisamente contro quel fanatismo che nasce e viene nutrito dal mondo islamico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *