Differenza tra Tasse, imposte e contributi

Tassa, imposta e contributo: capiamo la differenza

Le parole “tassa“, “imposta” e “contributo” sono spesso utilizzate in modo intercambiabile, ma in realtà definiscono tre tipi distinti di prelievo obbligatorio da parte dello Stato. Capire la differenza tra queste tre terminologie è importante per comprendere a cosa servono i nostri versamenti e come vengono utilizzate le risorse pubbliche.

Imposta:

  • È un prelievo obbligatorio di denaro a favore dello Stato o di altri enti pubblici.
  • Viene utilizzata per finanziare servizi indivisibili, ovvero quelli che non possono essere fruiti individualmente, come la difesa, la giustizia, l’istruzione pubblica e la sanità.
  • Non vi è una correlazione diretta tra l’importo versato e il servizio fruito.
  • Esempi di imposte sono l’IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche), l’IRES (imposta sul reddito delle società) e l’IVA (imposta sul valore aggiunto).

Tassa:

  • È un prelievo obbligatorio di denaro a favore dello Stato o di altri enti pubblici.
  • Viene utilizzata per finanziare un servizio divisibile, ovvero un servizio di cui è possibile fruire individualmente, come la raccolta dei rifiuti, la manutenzione delle strade o l’illuminazione pubblica.
  • Vi è una correlazione diretta tra l’importo versato e il servizio fruito: in linea generale, chi paga di più usufruisce di un servizio migliore.
  • Esempi di tasse sono la TARI (tassa rifiuti), la TARSU (tassa sui servizi indivisibili) e la TOSAP (tassa occupazione suolo pubblico).

Contributo:

  • È un prelievo obbligatorio di denaro a favore di un ente previdenziale o assistenziale.
  • Viene utilizzato per finanziare una prestazione futura, come una pensione, un assegno di maternità o un’indennità di malattia.
  • Vi è una correlazione diretta tra l’importo versato e la prestazione futura: chi versa di più avrà diritto a una prestazione più alta.
  • Esempi di contributi sono i contributi previdenziali obbligatori per i lavoratori dipendenti e i contributi volontari per le casse professionali.
Differenza tra Tasse, imposte e contributi

In sintesi:

TipologiaDefinizioneFinanziaCorrelazione tra importo versato e servizioEsempi
ImpostaPrelievo obbligatorioServizi indivisibiliNoIRPEF, IRES, IVA
TassaPrelievo obbligatorioServizi divisibiliTARI, TARSU, TOSAP
ContributoPrelievo obbligatorioPrestazione futuraContributi previdenziali obbligatori, contributi volontari casse professionali

Oltre alle differenze sopracitate, è importante sottolineare che le imposte e le tasse sono disciplinate da leggi dello Stato, mentre i contributi sono regolati da leggi o regolamenti specifici per ogni ente previdenziale o assistenziale.

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l’Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *