La truffa delle Pensioni all’estero

Coinvolti 45 italiani all’estero: dal Brasile, Santo Domingo e Argentina dichiaravano la residenza in Italia per maturare la pensione al 65esimo anno di età. Sequestrati 160 immobili e 50 conti correnti
Una complessa operazione della Guardia di Finanza di Vasto ha portato alla luce una maxi truffa sulle Pensioni Minime: 45 le persone coinvolte per aver percepito assegni sociali da oltre 1,5 milioni. Sequestrati 162 unità immobili e 50 conto correnti. L’indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Vasto, Dott.ssa Enrica Medori, ha consentito di accertare una peculiare frode finalizzata alla percezione di assegni sociali da parte dell’INPS.

La truffa delle Pensioni all’estero Come facevano a truffare l’INPS:

La truffa delle Pensioni all'estero

  • Al compimento del 65° anno di età, gli indagati rientravano in Italia da Brasile, Argentina e Santo Domingo il tempo necessario per stabilire la residenza. Tale requisito, come previsto dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, si consegue quando un soggetto resta iscritto presso l’anagrafe comunale per un periodo superiore a 183 giorni. Così, nel periodo di permanenza nello Stato italiano, i soggetti indagati richiedevano all’INPS competente la pensione minima, aprendo contemporaneamente un conto corrente o libretto bancario/postale ove far confluire le somme indebitamente spettanti.
  • I CONTROLLI. I controlli hanno permesso di appurare che solo “cartolarmente” i 45 beneficiari denunciati erano in possesso dei requisiti previsti dalla legge per ottenere l’assegno sociale. Nel corso delle indagini sono state monitorate oltre cento posizioni sospette ed è stata acquisita tutta la documentazione bancaria e postale inerente i conti correnti e i libretti di risparmio sui quali venivano accreditate le somme erogate dall’I.N.P.S.

Tasse per pensionati all’estero

Tassazione italiani residenti all’estero
Fonte: Redazione Independent

2 commenti

  1. conosco una rumena anziana che saltuariamente rientra in Italia,per badare ogni tanto al figlio della figlia(rumena) sposata con un Italiano,ma che in realtà non vive qui regolarmente,ritorna al paese e ne fa rientro ogni tanto.Non prende l'aereo,ma va col pullman,quindi non risulta nulla quando parte e quando rientra!! Ha chiesto la pensione minima senza mai aver lavorato regolarmente in Italia,né versato alcun contributo.Penso che la GDF dovrebbe fare un più approfondimento su questi casi! Chi sa quanti ci sono così?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *