sabato 6 maggio 2017

Filled Under:

Bonus mamma 2017 800 euro: come fare la domanda, guida

Il Bonus mamma 2017 è un contributo di 800 euro per le donne in stato di gravidanza dal settimo mese in poi, senza differenze di reddito o provenienza, o per madri naturali o madri adottive, basta avere la residenza in Italia ed essere in regola con i documenti ( permesso di soggiorno) .
Questa manovra voluta fortemente da Alfano e dai politici della sua ala servirebbe a promuovere le nascite rimpolpando le fila di quello che sta sempre più diventando un paese di vecchi e per vecchi. Non è tutto oro quello che luccica, però, e infatti il Bonus mamma sembra sparito nel nulla o quanto meno quasi impossibile da reperire, peggio di un Santo Graal.
Il Bonus mamma e come fare per richiederlo ed ottenerlo senza rimanere intrappolate nelle maglie della burocrazia?

Cos'è il Bonus mamma e chi ne ha diritto

Il Bonus mamma è un incentivo voluto dal partito di Alfano per aiutare le donne che entrano nel settimo mese di gravidanza a sostenere le spese che si verificano nell'ultimo periodo della gestazione fino alla nascita del bambino. Dal settimo mese in poi, infatti, è il momento in cui si procede agli acquisti più costosi, come culle, passeggini o guardaroba per il nascituro, ma anche il momento in cui le visite mediche e gli accertamenti si fanno più dispendiosi di prima. Le mamme possono richiedere questo bonus presentando apposita domanda all'Agenzia delle entrate senza differenziazione di reddito o di cittadinanza. Anche le donne rifugiate e richiedenti asilo, infatti, possono presentare richiesta per ottenere gli 800 euro.
Non è necessario presentare il Modello ISEE per questo Bonus.
La scelta del Governo di tutelare la maternità sembrava, almeno sulla carta, molto valida, anche perché avrebbe ridotto all'osso lo spreco di risorse concedendo il bonus solo alle donne che avrebbero partorito davvero. Salvo casi imponderabili, infatti, il settimo mese è un momento ormai lontano dal rischio sia per la mamma che per il bambino.

Bonus mamma 800 euro, che fine ha fatto?

Bonus mamma desaparecido: che cosa è successo?


Il Bonus mamma appariva una grande idea, ma si è rivelato una specie di mostro di Lochness: introvabile. Che fine ha fatto il Bonus mamma che doveva entrare in vigore dal 1 gennaio 2017?
I fondi stanziati non erano pochi, trattandosi di 600 milioni di euro: l'Inps, però, avrebbe dovuto attivare una piattaforma online tramite la quale presentare domanda, perché le domande sarebbero state valide solo se presentate per via telematica. Invece tutto tace. Cosa è successo nei database dell'Inps? Molte neo mamme hanno provato anche a chiamare i call center dell'Istituto di previdenza sociale, ricevendo risposte scoraggianti o omertà totale. Gli impiegati non ne sanno nulla, ma possono solo consigliare alle future mamme di fare "come se il bonus non ci fosse". Di arrangiarsi, insomma. Poi se un giorno arriverà, forse, verranno rimborsate. Forse.
Il primo cenno d'informazioni da parte dell'Inps si è avuto negli ultimi giorni di febbraio, quando una circolare ufficiale informava le mamme dei requisiti dettagliati da avere per richiedere il bonus, ma non faceva parola di quando sarebbe entrato in funzione il software per la presentazione delle domande.


Le promesse del Governo: "Chi ne ha diritto lo avrà"


Enrico Costa, Ministro per la Famiglia, ha cercato di fare chiarezza sulle polemiche pesanti che sono scoppiate negli ultimi giorni. Costa ha detto che chi ha diritto al denaro lo otterrà senza dubbio. La colpa dei ritardi nell'apertura della piattaforma per presentare le domande non intaccherà dunque il diritto delle donne, che verranno adeguatamente rimborsate. Il Ministro ha anche rassicurato di aver iniziato ad accertarsi che tutto stesse andando secondo le disposizioni già a partire da dicembre 2016, ovvero da prima che il bonus entrasse in vigore. L'Inps aveva dato ampie assicurazioni di stare preparando la piattaforma, ma ad oggi non ci sono buone notizie all'orizzonte.

Altre agevolazioni per le neo mamme


I ritardi del governo nel Bonus mamma sono sicuramente un problema per molte famiglie. Bisogna però riconoscere che le formazioni familiari con figli molto piccoli hanno diritto ad alcune importanti agevolazioni che è bene conoscere. Esisterà presto, ad esempio, un bonus da 150 euro mensili per chi deve iscrivere i piccoli all'asilo nido. L'incentivo è stato previsto all'interno della legge Decreto 0-6 ed aiuta le famiglie con bambini in età pre scolare nel pagamento delle rette, a volte inavvicinabili, per le scuole per l'infanzia. Non bisogna dimenticare, infatti, che a volte i costi diventano insostenibili, specialmente se i bambini sono più di uno. Il vantaggio di questo tipo di bonus è che può essere usato non solo nei nidi comunali, ma anche nei nidi privati convenzionati per ricevere quest'assistenza: un bel salto di qualità per i genitori lavoratori a tempo pieno, che spesso si vedono costretti a pagare un prezzo maggiorato a strutture private che accolgano i bambini fino al tardo pomeriggio.
C'è poi il bonus bebè, un assegno familiare dato ai nuclei che hanno un bambino a carico al di sotto dei tre anni, sia naturale che adottato. Quest'ultimo può essere richiesto dalle coppie di genitori che hanno un Isee al di sotto dei 25 mila euro annui. Se l'Isee supera questa soglia, gli assegni familiari vengono sospesi automaticamente.
Infine ci sono delle agevolazioni per chi sceglie di ricorrere ad una tata privata. Chi rinuncia al congedo di maternità o di paternità per tornare subito al lavoro ed affida il proprio bambino ad una baby sitter ha diritto a dei voucher per un valore massimo di 600 euro, spendibili per un tempo massimo di 6 mesi per le lavoratrici statali e di 3 mesi per quelle indipendenti.
Esiste un altro tipo di voucher asilo nido, da non confondere con quello citato sopra, corrispondente alla cifra di 1000 euro ed erogabile ancora una volta a genitori che debbono iscrivere i bambini alle scuole per l'infanzia. Questo voucher non è cumulabile con quelli per la babysitter né con il bonus bebè e non può essere inserito nella detrazione Irpef.

I problemi della mancata attivazione del Bonus mamma


Stando alle indiscrezioni lasciate trapelare dallo stesso Ministro Costa, i problemi principali sarebbero da imputare ad un farraginoso funzionamento della macchina burocratica. Non tutti i passaggi, infatti, sono stati eseguiti in tempo, e dunque la partenza della manovra stenta ad avvenire per via della mancanza di autorizzazioni e firme da parte di chi di dovere.
Si stima che il Bonus mamma sarebbe dovuto arrivare a circa 750 mila future mamme, aiutando dunque altrettanti nuclei familiari a sostenere la spesa pre natale ed immediatamente successiva alla nascita del bambino.
Costa, in alcune interviste, aveva dichiarato che il suo partito e tutto il Governo che si era impegnato in prima persona nella realizzazione di agevolazioni per alcune categorie sociali, come le mamme, era un Governo concentrato sull'abbattere le maglie della burocrazia infinita che caratterizza l'Italia, rendendo le procedure di qualsiasi incombenza abbastanza snelle e veloci. Così non è stato per il Bonus mamma, fermo ai blocchi di partenza ormai da mesi, e che rischia di diventare un peso sulla coscienza di molti esponenti della classe politica.

Cosa ne pensano le mamme

Ci sono molti forum sul web dedicati al mondo femminile e alla maternità: alfemminile.com e nostrofiglio.it sono solo due dei più celebri. Su questi forum ci sono diverse aree tematiche, tra le quali la gravidanza. Molte future mamme che si sono confrontate sul web su questo argomento hanno espresso pareri discordanti. Ci sono, infatti, alcune donne che sono estremamente scettiche nella possibilità della partenza della manovra da 600 milioni. Secondo molte, ormai rassegnate anche dalle risposte evasive ricevute dall'Inps, questa manovra è stata uno specchio per le allodole ma non sarà di vero beneficio per le donne in dolce attesa. Molte, invece, sono speranzose che tutto vada per il meglio.
Di diversa scuola di pensiero, invece, sono le donne intervistate direttamente da molte testate giornalistiche che si sono occupate della tematica: quasi tutte provenivano da lunghi ed estenuanti pellegrinaggi di persona all'Inps o da giorni di stalking telefonico, e si dicevano nella maggioranza dei casi deluse dal trattamento e scontente per il servizio che non è mai stato attivato.
LEGGI ANCHE >>>--- Assegno maternità 2017 - Maternità INPS - Aiuti alle famiglie - Aiuti per coppie a basso reddito -

Opinioni: il bonus mamma può funzionare davvero?

C'è da domandarsi se il Bonus mamma funzioni davvero. La risposta semplicistica che il Bonus mamma funzionerà quando verrà attivato non basta a soddisfare le attese di centinaia di migliaia di donne che stanno aspettando questo versamento.
I punti da analizzare per scoprire se davvero il Bonus mamma sia una buona idea sono ben altri: primo tra tutti il metodo di pagamento. Il Bonus mamma viene erogato tutto in una soluzione, un unico assegno da 800 euro da spendere. Questa modalità, che può sembrare un'idea grandiosa, si rivela ben presto un abbaglio se si pensa che un figlio è qualcosa di eterno, qualcosa da crescere giorno dopo giorno. Un afflusso di quasi 1000 euro tutto in un momento non risolve di fatto il problema di donne sole e prive di aiuto da parte di famiglie e partner. Queste fasce sociali, più che incentivate al consumo di beni di relativa spendibilità nelle primissime fasi della gravidanza e poi abbandonate a sé stesse, andrebbero seguite passo passo nell'allevamento del bambino, indipendentemente dalla loro estrazione culturale, sociale ed economica. I soldi destinati ad un finanziamento una tantum potrebbero essere spesi diversamente per il potenziamento delle strutture pubbliche di assistenza, per l'aumento degli orari di apertura e per tutti altri servizi che vengono incontro alla donna giorno dopo giorno.



1 commenti:

  1. eppure qualcuno se lo piglia questo BONUS BEBE'.. Non siate scettici, siate sereni... come diceva l'idiota fiorentino . OGGI INFATTI SOLO LUI- MATTEO RENZI - ALIAS OMMEMMERDA, IPOCRITA, INFAMONE, E MANTENUTO - è RIUSCITO A FAR PRENDERE ALLA SU MAMMA IL BONUS BEBE' DA 800 EURO PROMESSO DAL GOVERNO POST GOLPE PD . Almeno un BEBE'ce l'ha fatta a prendere questo BONUS, se poi per caso il suo nome sia MATTEO RENZI, ovvia , è solo una coincidenza, anche se meritata , imoltre OGGI ANCHE MATTEO RENZI E' DISOCCUPATO , non ha incarichi ufficiali, NON E' M A I STATO ELETTO , quindi NON E' - meno male - SEDUTO IN PARLAMENTO A FARSI MANTENERE, COME MOLTI ALTRI SPORCACCIONI , e allora mi chiedo , ma chi LO MANTIENE ORA ? CHI GLI PAGA VIAGGI, SCORTE E AUTOMOBILI, HOTEL , GUARDIE DEL CORPO, SICUREZZA, ECCET..? Ha più impegni e visibilità del suo sostituto GENTILONI, ma con quali FONDI , MATTEO RENZI finanzia tutto questo ? ... vabbeè che la su mamma HA UNA PENSIONE DI OLTRE 4000 MILA EURO , più gli 800 euro di BONUS BEBE' , giustamente percepiti dato che il BEBE' è DISOCCUPATO, ...come molti Italiani , quindi complimenti al BABBEO CHE SI CUCCA PURE IL BONUS BEBE' ,... alla faccia di CHI FA LA FAME CON PENSIONI ELEMOSINE DA 600 EURO, EROGATE DA PERSONAGGI MISERABILI, VERI E PROPRI TERRORISTI SOCIALI CHE NON HANNO AUMENTATO AD ALMENO 1000 EURO AL MESE QUELLE VERGOGNOSE PENSIONI , E PARLIAMO INFATTI DI MATTEO RENZI E DEL SUO SEDICENTE GOBERNO DI INFAMITA', DI CRIMINI E ATTENTATI SOCIALI, SOMMATI A RAPINE DI STATO FIRMETE DA FORNERO E MONTI - ANCHE LORO MANTENUTI E BENE DA NOI -.....

    RispondiElimina

Link, pubblicità e commenti offensivi non potranno essere pubblicati