Tasse su azioni di Poste italiane: quante e come si pagano

Le tasse sulle azioni di Poste italiane, corrispondono al 26% del reddito su capitale.

La nuova legge in vigore dal luglio 2014 ha fatto aumentare questa aliquota ( che anni indietro era del 10%) , prima al 20 % e poi  da luglio scorso a ben il 26%.
I Governi dal 2010 ad oggi hanno quindi deciso di dare una grossa stretta alla finanza italiana, aumentando di oltre il 100% le tasse sui guadagni che si potevano fare con gli strumenti finanziari, e lasciando solo alcuni strumenti finanziari statali ( Bot, CCT, Buoni Fruttiferi Postali) con una tassazione di ‘solo’ il 12,5%, ma come sanno tutti questo tipo di investimenti fruttano pochissimo durante l’anno solare, si e no i soldi che si perdono con una normale inflazione.

Ma cosa si intende per “reddito su capitale“?

Tax Day che cos’é Canone RAI sulla Bolletta della Luce
Risparmiare su Tasse sulla Casa Scadenza TARI
Divieto di Fumare ora anche in Auto Come funziona la Nuova Tassa sui Funerali

Quante tasse si pagano sulle azioni di Poste italiane:

  • Per ‘reddito di capitale’, si intendono i dividendi delle azioni, oppure – nel caso che si vendano – la differenza tra il prezzo di vendita ed il prezzo di acquisto.

Facciamo un esempio su un pacchetto minimo di azioni di Poste, cioé 3.500 euro:

  • Se avrò un dividendo di 100 euro, allora pagherò 26 euro di tasse sulle azioni di Poste.
  • Se venderò queste azioni a 4.500 euro, ( guadagnandoci 1.000 euro) allora su questo guadagno pagherò 260 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *