Il grande imbroglio dello Spread

Per mesi, tra il 2010 e il 2011 i mass-media italiani hanno puntato sul fatto che lo Spread era troppo alto.
Vero: era molto alto, ma cosa è successo dopo, che con un colpo di telefono da Bruxelles il governo Berlusconi é andato in crisi, é caduto ed è stato messo Monti, poi Letta, quindi Renzi a capo del governo italiano? Cosa accade ora che lo Spread è 1/4 rispetto a quello di 3 anni fa?
Per l’economia le cose sono cambiate, ma in peggio.
Sì, perché se è vero che lo spread si é abbassato, è anche vero che si é alzato il numero dei disoccupati, per non parlare dei giovani disoccupati , vero e proprio dramma dell’Italia del 2014.
Una generazione intera che ha pochissime speranze di trovare un lavoro: solo 1 giovane su 2 lavora, il 43 per cento sta a casa.
Voi cosa ne pensate di questo cartello pubblicato da Brunetta poco fa e intitolato “Il grande imbroglio dello Spread”?
Si stava meglio quando si stava peggio?
Il vero problema dell’economia italiana era lo spread?

Il grande imbroglio dello spread
Spread e Lavoro : differenze tra novembre 2011 e ottobre 2014

Si tratta di un cartello sicuramente semplicistico e riduttivo, ma che fa sicuramente riflettere.
Se é vero che avere un Spread basso come ora è molto meglio per le Nostre casse, è pure vero che il problema dello spread era solo 1 dei problemi della Nostra economia, che sono anche una spesa pubblica troppo alta e relative tasse troppo alte.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *